venerdì 23 dicembre 2016

Approvazione Bandi per l’assegnazione dei voucher per il diritto allo studio a.s. 2016/2017

 

 

L.r. n. 28/2007 – L. n. 448/1998 – D.G.R. n. 4-4367 del 15/12/2016 - Approvazione Bandi per l’assegnazione dei voucher per il diritto allo studio a.s. 2016/2017, Avviso per la presentazione delle domande di contributo libri di testo a.s. 2016/2017

La Regione eroga assegni di studio regionali per l’anno scolastico 2016/2017  in forma di voucher, differenziati per fasce di reddito, finalizzati: a) al pagamento delle rette di iscrizione e frequenza,b) all’acquisto di libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, al pagamento delle spese relative alle attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa e all’acquisto di titoli di viaggio per il trasporto scolastico                                                                  
La Regione ha stabilito che per richiedere il contributo statale per la fornitura statale gratuita, totale o parziale, dei libri di testo  per l’anno scolastico 2016/2017 venga utilizzato il Modulo Unificato di richiesta contributi per il diritto allo studio a.s. 2016/2017

Materia: 
Istruzione e diritto allo studio
Soggetti beneficiari: 
Sono destinatari dei voucher gli studenti residenti nella Regione Piemonte alla data di pubblicazione del bando, che nell’anno scolastico 2016/2017 frequentino la scuola primaria o secondaria di primo o secondo grado nelle Istituzioni scolastiche statali e paritarie facenti parte del sistema nazionale di istruzione e nei corsi di formazione professionale organizzati da agenzie formative accreditate ai sensi della legislazione vigente e finalizzati  all’assolvimento dell’obbligo formativo

Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Fondi statali
Pubblicazione:
15 Dic 2016
Data pubblicazione BURP: 
15 Dic 2016
Importo in €: 
Euro 6.420.000,00 per bando voucher libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche, attività integrative e acquisto di titoli di viaggio Euro 4.280.000,00 per bando voucher iscrizione e frequenza
Contatti: 
011-432.1511

Struttura di riferimento: 
A1505A - POLITICHE DELL'ISTRUZIONE

Eletto il nuovo ufficio di presidenza




Rinnovato l'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale - confermati, il presidente Mauro Laus, il vicepresidente Nino Boeti, la vicepresidente Daniela Ruffino ed i segretari Angela Motta  e Gabriele Molinari - entra per la prima volta il Consigliere Giorgio Bertola.


La votazione si è svolta regolarmente secondo le disposizioni dello Statuto e del Regolamento interno, garantendo anche la rappresentanza delle opposizioni.


Lo Statuto prevede, infatti, che l’Ufficio di presidenza venga rinnovato a metà legislatura, dopo 30 mesi, per cui l’organo nella sua nuova composizione entrerà in carica il 30 dicembre.


L’Ufficio di presidenza, oltre ad occuparsi dell’amministrazione e dell’organizzazione dell’ente, tutela le prerogative ed assicura l’esercizio dei diritti dei consiglieri e, in pratica, assicura il funzionamento dell’Assemblea con l’apporto della Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari.

BUON NATALE DA RUFFINONEWS

Tanti auguri per un Santo Natale e Felice Anno Nuovo!

Daniela Ruffino

Vicepresidente Consiglio regionale del Piemonte
 
CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE



 >  

Bando pubblico per la concessione di patrocini onerosi a sostegno di progetti e iniziative promossi da enti e associazioni





FINALITA'

Il Consiglio regionale del Piemonte in attuazione della legge regionale n. 6 del 14 gennaio 1977, n. 6 “Norme per l'organizzazione e la partecipazione a convegni, congressi ed altre manifestazioni, per l'adesione ad Enti ed Associazioni e per l'acquisto di documentazione di interesse storico ed artistico” indice un bando pubblico per l'assegnazione di patrocini onerosi a sostegno di progetti e iniziative in ambito culturale, artistico, sportivo, sociale, turistico e promozionale promossi da enti pubblici ed enti privati (enti e associazioni private senza scopo di lucro), così come previsto dalla Deliberazione dell’Ufficio di Presidenza n° 45/2016 “Criteri e modalità per l’organizzazione e la partecipazione ad iniziative e manifestazioni istituzionali e culturali e per la concessione di patrocini”.
 
I patrocini onerosi, di cui al presente bando, possono essere concessi ai soggetti sopra indicati per favorire la promozione e la valorizzazione del territorio piemontese nelle tematiche di seguito elencate:

- sociali
- sportive
- culturali
- turistico-promozionali
 
Per le attività di carattere sportivo, al fine di ottenere il riconoscimento del patrocinio oneroso, è richiesta la promozione dei valori dello sport e benessere.

LINK PER CONSULTARE IL BANDO COMPLETO, LE SCADENZE E LA MODULISTICA PER RICHIEDERE IL CONTRIBUTO: http://www.cr.piemonte.it/web/contributi

venerdì 16 dicembre 2016

Ricerca personale per EUIPO , l’ufficio europeo per la tutela della proprietà intellettuale




L’ EUIPO , ufficio europeo per la tutela della proprietà intellettuale con sede ad Alicante , in Spagna , ha lanciato una selezione per varie figure professionali.

In particolare vengono ricercati:
1. AGENTE DI SUPPORTO PER LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE – gruppo di funzioni III (GFIII)

2. AGENTE DI SUPPORTO AMMINISTRATIVO – gruppo di funzioni III (GFIII)

3. AGENTE DI SUPPORTO IN INFORMATICA/GESTIONE DI PROGETTI – gruppo di funzioni III (GFIII)

4. ESPERTO IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE – gruppo di funzioni IV (GFIV)

5. CONSULENTE/SPECIALISTA – gruppo di funzioni IV (GFIV)

6. SPECIALISTA IN INFORMATICA/GESTIONE DI PROGETTI – gruppo di funzioni IV (GFIV)

Scadenza per l’iscrizione: 21 dicembre 2016 alle ore 12:00 (mezzogiorno), ora di Bruxelles

I candidati possono presentare domanda per un solo gruppo di funzioni e per un solo profilo.

I candidati devono soddisfare i seguenti requisiti:

Essere cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea • Essere in posizione regolare rispetto agli obblighi previsti dalle leggi nazionali in materia di servizio militare • Offrire le garanzie di moralità per l’esercizio delle funzioni interessate

Per ulteriori informazioni:

Aperto il bando Best (Business Exchange and Student Training) sostenuto da Fondazione CRT





È aperto fino al 17 marzo il bando Best (Business Exchange and Student Training): il programma bilaterale Italia-USA sostenuto da Fondazione CRT, che offre a laureati e dottorandi di talento under 35 sei mesi di formazione e training nella Silicon Valley, seguiti dalla creazione di una start up high-tech in Italia. 

L’iniziativa è nata dalla cooperazione tra l’Ambasciata degli Stati Uniti, la Commissione Fulbright in Italia, Invitalia (l’agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per accrescere la competitività del Paese) e il Consolato Italiano di San Francisco, con l’obiettivo di stimolare la concorrenza economica e la cultura imprenditoriale high-tech in Italia.

Il bando Best è online sul sito www.fulbright.it. I candidati dovranno avere competenze di eccellenza, in particolare nei seguenti ambiti: Biotecnologie, Nanotecnologie, Scienze biomediche, Tecnologia delle comunicazioni, Ingegneria aereospaziale e dei nuovi materiali, Design industriale, Tecnologie per la protezione ambientale e la produzione energetica, Art e Fashion, Entertainment.

I vincitori seguiranno un percorso in tre fasi:
  • tre mesi di formazione con corsi intensivi di Entrepreneurship e Management presso la Santa Clara University in California
  • tre mesi di training on the job presso società americane operanti nella Silicon Valley: 
  • al rientro in Italia è previsto un programma di affiancamento per l’avvio della start up. Sia negli USA sia in Italia, un costante mentoring consentirà ai vincitori di avere accesso all’ecosistema imprenditoriale, dando così solidità alla propria “business idea”.
Sono 90 i giovani che hanno già preso parte al programma Best: 37 le start up high-tech realizzate in Italia, capaci di raccogliere complessivamente circa 50 milioni di euro sul mercato dei capitali e di generare 320 posti di lavoro.

Cittadinanza umanitaria attiva






Come promuovere la partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica?
Giovedì 15 dicembre a Palazzo Lascaris, si è tenuta una conferenza stampa su iniziativa dei governatori dei distretti Lions di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

Tema dell’incontro, la legge regionale n.10/2016 riguardante l’attuazione dell’articolo 118, comma quarto, della Costituzione e l’articolo 3 dello Statuto della Regione Piemonte: “Norme per la promozione della cittadinanza umanitaria attiva”.

Per cittadinanza umanitaria attiva s’intende l’effettiva partecipazione dei cittadini e delle formazioni sociali alle politiche di governo della cosa pubblica, nonché una proficua collaborazione fra cittadini e pubblica amministrazione per una organizzazione solidale della comunità.

Erano presenti la Vice Presidente del Consiglio regionale del Piemonte Daniela Ruffino e il relatore di maggioranza della legge Vittorio Barazzotto.

La Vicepresidente Daniela Ruffino ha posto l’accento sull’occasione di riavvicinare,  attraverso l’applicazione della normativa regionale, la cittadinanza con le istituzioni mentre Vittorio Barazzotto si è voluto complimentare con i Lions per la capacità di mantenere alti i livelli, in termini percentuali, dei fondi da destinarsi a chi necessita di aiuto.

L’apertura dei lavori ha visto i saluti dei dirigenti di tre distretti Lions, promotori dell’iniziativa unitamente con Rino Porini, presidente del Consiglio provinciale del VCO e presentatore del progetto di legge.

A seguire le relazioni sulla normativa in questione. Paola Lauro ha spiegato i motivi che hanno indotto i Lions a proporre la legge. Dario Gramaglia ha ripercorso i tratti salienti della normativa quale strumento al servizio degli operatori del Terzo Settore e a beneficio della comunità piemontese. Carla Bue ha elencato gli strumenti convenzionali a disposizione degli enti interessati, per rendere operativi i progetti a favore delle comunità.
 
Ha concluso i lavori Gabriele Sabatosanti Scarpelli, direttore internazionale dei Lions Clubs, che ha sottolineato la necessità di passare dalla fase di proposta a una progettuale, che porti alla realizzazione di interventi verso la popolazione, che vedranno come soggetti attivi coinvolti cittadini ed Enti locali.

Crisi del commercio, Ruffino (FI): "Deflazione campanello d'allarme: stop a grande distribuzione e incentivare agevolazioni agli esercenti"




"La diminuzione dei prezzi negli esercizi commerciali, a Torino più rilevante rispetto al resto delle città italiane, deve mettere in guardia le istituzioni. La deflazione va monitorata con attenzione, individuando anche nuove  forme di sostegno al commercio per evitare che la situazione complessiva di crisi peggiori".
 >  
La vicepresidente del Consiglio Regionale del Piemonte, Daniela Ruffino (FI), commenta così lo stato del commercio nel capoluogo regionale e nel territorio della Città Metropolitana.
 >  
"E' comprensibile che i commercianti tendano a diminuire o almeno non aumentare i prezzi, perché molte famiglie in difficoltà e quindi con minore potere d'acquisto,  non acquisterebbero merci più care. Ma è chiaro che il perdurare di tale situazione produrrebbe danni all'economia", aggiunge Ruffino.
 >  
"Secondo alcune stime gli acqusti natalizi sotto la Mole non saranno molto elevati: tante persone aspetteranno i saldi. Allora è necessario che la Regione e il Comune di Torino si attivino a partire dal nuovo anno - aggiunge la vicepresidente dell'Assemblea piemontese - con strumenti di rilancio dell'occupazione, tema da cui dipende il buon andamento delle attività economiche nel loro complesso".
 >  
"Certo l'accondiscendenza di molte Giunte nei confronti della grande distribuzione per tentare di ripianare i conti, non aiuta il commercio torinese e neppure quello di altri Territori. La grande distribuzione è già molto diffusa nel capoluogo e nei comuni circostanti. Accrescerne la presenza  nel nostro territorio farà si che nel medio-lungo periodo vengano soffocate le altre attività commerciali", osserva Ruffino.
 >
"Bisogna aiutare soprattutto il commercio nelle periferie urbane  e  nei piccoli centri. E si deve farlo  con facilitazioni fiscali  e semplificazioni burocratiche, rendendo  vive le zone pedonalizzate. Va allentata la pressione fiscale sul suolo pubblico e sui rifiutil e servono più incentivi anche per i negozi che si trovano  in difficoltà per i cantieri.  Inoltre - conclude Ruffino - per evitare che troppe serrande vengano definitivamente abbassate, devono essere studiate iniziative a favore dei  proprietari dei locali, con agevolazioni fiscali che permettano  loro di affittare a costi ridotti per i negozianti. Tutto ciò è da realizzare in abbinamento a una serrata lotta all'abusivismo, troppo diffuso in particolare a Torino".
 >  

venerdì 2 dicembre 2016

Comunicati della Settimana - Daniela Ruffino



Assestamento Bilancio, Ruffino (FI): "Un aiuto agli oratori piemontesi con l'assegnazione di 200 mila euro in più"

"In segno di riconoscimento e valorizzazione della funzione educativa, formativa e sociale svolta delle parrocchie e dagli  enti di culto riconosciuti dallo Stato attraverso le attività di oratorio, ho chiesto in aula di assegnare 200 mila euro in più, rispetto al milione previsto,  da destinare agli oratori del Piemonte".

Lo afferma Daniela Ruffino (FI), vicepresidente del Consiglio regionale, a margine dei lavori di palazzo Lascaris per l'Assestamento del bilancio di previsione finanziario 2016 - 2018.

"Ritengo che il ruolo degli oratori sia oggi ancora più rilevante che in passato - aggiunge Ruffino -  in particolare per dare un sostegno a quei giovani e a quelle  famiglie sempre più in difficoltà. Le parrocchie non sempre possono disporre delle risorse necessarie a far funzionare al meglio questi insostituibili presidi educativi. Mi pareva quindi doveroso che anche l'istituzione regionale desse un segnale concreto".




Maltempo, odg di Ruffino (FI): "Risorse a Comuni e imprese danneggiati. Più attenzione alla difesa del suolo e alla manutenzione"
 >  
La vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte, Daniela Ruffino (FI) ha presentato un ordine del giorno per "individuare, in sede di assestamento al Bilancio di previsione 2017-2018, risorse per l’erogazione di contributi ai Comuni per interventi di ripristino delle strutture e delle infrastrutture, pubbliche e private, colpite dall’alluvione e per interventi di mitigazione idraulica".
 >  
Osserva la vicepresidente dell'Assemblea: "il maltempo di eccezionale intensità ha prodotto ingenti danni alle infrastrutture pubbliche e private, alle attività produttive e a quelle agricole di molti Comuni piemontesi e la risposta delle istituzioni deve essere rapida. E al più presto la Regione si faccia carico di coordinare tra tutti i Comuni un monitoraggio aggiornato della situazione relativa alla difesa del suolo sul territorio regionale. Bisogna continuare a vigilare e a prevenire, controllando costantemente la manutenzione delle opere sui corsi d'acqua e la correttezza di ogni intervento edilizio".
 >  
 "Sono stati giorni difficili per il Piemonte- prosegue Ruffino -  ed in particolare per alcune realtà particolarmente penalizzate.
Ai Sindaci e alle popolazioni va la vicinanza ed il sostegno del Consiglio regionale anche  attraverso questo ordine del giorno che ho presentato in sede di assestamento di bilancio, a fronte dei contatti che ho avuto con gli amministratori attraverso la mia presenza sui territori".
 >  
"È fondamentale adottare misure continuative per il ripristino di strutture ed infrastrutture.
Altro aspetto importantissimo - conclude Ruffino - è il sostegno alle attività Produttive gravemente compromesse. Se alla crisi economica perdurante si aggiungono le calamita naturali e le istituzioni non dimostrano di essere vicine al territorio, allora il declino sarebbe inarrestabile. Il Consiglio regionale si faccia interprete delle necessità dei Comuni colpiti".

 > 

L.R. 24/2014, D.Lgs n. 102/2004. Termini e criteri per la presentazione delle domande per contributi regionali per polizze zootecniche agevolate 2016, da erogare alle aziende aderenti al CO.SM.AN. nel 2014





Contributo regionale, integrativo di quello nazionale, per polizze in zootecnia per i costi di smaltimento dei capi deceduti in allevamento per determinate causali e per i danni alla zootecnia in alpeggio, destinato alle imprese agricole

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
 Microimprese e piccole e medie imprese attive nella produzione agricola primaria operanti in Piemonte, titolari di allevamento (in qualità di proprietari o per altro titolo)

Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Pubblicazione: 
28 Nov 2016
Data pubblicazione BURP: 
24 Nov 2016
Note: 
Nel bando è presente anche la modulistica da utilizzare per la presentazione della domanda di contributo 

Note presentazione domande: 
Le domande possono essere presentate esclusivamente mediante posta certificata al seguente indirizzo: produzioni.agricole@cert.regione.piemonte.it   
       
Importo in €: 
Finanziamento complessivo della misura: € 213.294,64 
Contatti: 
Rodolfo Marliani – 011.4323629 – rodolfo.marliani@regione.piemonte.it

Struttura di riferimento: 
A1701A - PRODUZIONI AGRARIE E ZOOTECNICHE

Dall’UE 23 milioni per la promozione dei prodotti agroalimentari






La Commissione europea nei giorni scorsi ha dato il via libera a 60 nuovi programmi di promozione dei programmi agroalimentari.

In totale i fondi stanziati saranno 94 milioni, destinati a 15 Stati membri e all’Italia verranno assegnati circa 23 milioni di euro, divisi in 10 programmi. Per la promozione nel mondo delle nostre eccellenze agroalimentari riguarderà vini a DOCG (Asti DOCG, Chianti classico DOCG e Lambrusco DOCG), formaggi DOP (Grana Padano, Asiago, Pecorino toscano e Provolone Val Padana DOP), Salumi (con il ventaglio delle eccellenze salumiere rappresentate dall’istituto valorizzazione Salumi Italiani), l’aceto balsamico di Modena DOP, il Latte ed i suoi prodotti trasformati  e le Grappe ad Indicazione Geografica italiana rappresentate dall’Asso distillatori (Assodistill).

Intanto il Commissario Phil Hogan ha informato che nel 2017 i produttori dell’UE potranno disporre di una dotazione finanziaria più consistente, pari a 133 milioni di EUR, per promuovere i prodotti agricoli dell’UE al di fuori e all’interno del suo territorio e continuare la ricerca di nuovi mercati, rispetto alla fase appena conclusasi con l’assegnazione, complessiva, di circa 111 milioni di euro. 

Entro  gennaio 2017 sarà quindi lanciato un invito a presentare proposte per poter beneficiare della dotazione 2017 a favore delle attività di promozione.

Comunicazione: eventi alluvionali Regione Piemonte - informazioni utili



Gentili Cittadini e Amministratori,
mi preme informare, a seguito dei disastrosi eventi alluvionali che hanno interessato il nostro territorio dal 23 novembre scorso, che la Regione Piemonte ha predisposto tre schede, articolate secondo il fabbisogno, finalizzate alla segnalazione dei danni subiti. Vi invito, in caso di necessità, a fare riferimento al Comune di competenza oppure alla Regione Piemonte - Segreteria Infrastrutture e Pronto Intervento 011 4324200.


Inoltre, desidero incormarVi che per il censimento dei danni, dei beni mobili, bisogna utilizzare la scheda B.
All'interno della scheda troverete una parte dedicata alla descrizione; bisogna compilarla inserendo i danni subiti e aggiungere una stima dal punto di vista economico.


In ogni caso, vi rimando al link regionale e resto a disposizione e a supporto.


 >  

venerdì 25 novembre 2016

Programma “Diritti, uguaglianza, cittadinanza”: a novembre l’apertura dei termini per presentare progetti sui bandi 2016 per la lotta contro la violenza di genere





Verranno aperti entro fine novembre 2016 i termini per presentare progetti relativamente ai due bandi 2016 per azioni in materia di prevenzione e lotta contro la violenza di genere, pubblicati a giugno nel quadro del programma “Diritti, uguaglianza, cittadinanza”.

Per entrambe la scadenza per presentare proposte è fissata all’8 marzo 2017.

Attinente Progetti transnazionali riguardanti una o più delle seguenti attività:

Attività di educazione e sensibilizzazione
Capacity-building e formazione per i professionisti e i volontari che sono a contatto con ragazzi e ragazze e che sono o saranno coinvolti nelle attività educative miranti a contrastare la violenza di genere

Sono particolarmente incoraggiate campagne multi-componente, capaci di combinare diversi metodi di sensibilizzazione e di educazione.Le attività di educazione e sensibilizzazione possono riguardare tutte le forme di violenza di genere oppure forme specifiche, come la mutilazione genitale femminile, i matrimoni forzati o particolari gruppi sociali vulnerabili alla violenza, come la comunità LGBT, le minoranze etniche o religiose, i migranti, ecc.
Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta non deve essere inferiore a 75.000 euro e le risorse finanziare disponibili sono € 2.000.000

Bando REC-RDAP-VICT-AG-2016: azioni volte a promuovere l’accesso alla giustizia e sostenere le vittime della violenza di genere e il trattamento dei colpevoli (Apertura: 25 novembre 2016)

Progetti transnazionali riguardanti una o più delle seguenti misure:

capacity building e formazione dei professionisti, in particolare del personale che fornisce assistenza specializzata alle vittime o che si occupa del trattamento dei colpevoli;

capacity building e formazione in merito alle questioni di genere e alle questioni riguardanti i minori
 
programmi di sostegno specifici rivolti in particolare a gruppi più vulnerabili di vittime della violenza di genere, quali rifugiati e migranti, persone con disabilità, Rom, persone appartenenti a minoranze nazionali, etniche o religiose, LGBT, donne anziane e donne senza fissa dimora;

– misure nell’ambito del sostegno alle vittime e del trattamento dei colpevoli, quali apprendimento reciproco, individuazione e scambio di buone pratiche, sviluppo di metodi di lavoro trasferibili ad altri Paesi;

– attività di sensibilizzazione, formazione e condivisione di best practice fra i professionisti e/o i servizi di assistenza

I progetti dovrebberob essere multi-ente e, qualora la fornitura di servizi coinvolga autorità governative, agenzie statali o altri enti incaricati dal governo, prevedere il coinvolgimento formale dell’ente governativo/incaricato di ciascun Paese partecipante (come partner associato).

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta non deve essere inferiore a 75.000 euro e il budget in questo caso è di €4.000.000

Regione Piemonte: Finanziamenti - SPORT

 

 

Finanziamento 1: Avviso per la presentazione delle domande di contributo ai sensi della l.r. 93/1995 e l.r. 18/2000 Misura 2.1. “Messa a norma, ampliamento, completamento e diversificazione degli impianti sportivi”.

Interventi per il potenziamento e la qualificazione degli impianti e delle attrezzature sportive, con particolare riferimento al miglioramento e alla manutenzione delle strutture esistenti, al recupero funzionale delle attrezzature di base per il gioco sportivo e per le attività fisico-motorie sportive e ricreative, anche per utenti disabili, volti a migliorare e ampliare l’utilizzo degli impianti esistenti e favorire la loro gestibilità sotto il profilo tecnico- funzionale ed economico.
Tipologie di intervento:
a) interventi diretti ad abbattere le barriere architettoniche degli impianti esistenti ai sensi della legge 13/1989 e del D.M. 236/1989 e a permetterne la fruibilità da parte del pubblico e degli atleti con disabilità;
b) interventi di adeguamento degli impianti esistenti alle norme di sicurezza e igienico-sanitarie, compresi gli interventi volti a favorire l’applicazione delle norme nazionali e regionali in materia di sicurezza degli impianti sportivi e degli spogliatoi e in materia di efficientamento energetico;
c) interventi di manutenzione straordinaria degli impianti sportivi di proprietà di enti pubblici e dati in concessione a soggetti privati o di proprietà degli stessi;
e)  opere di completamento di impianti finalizzate alla loro messa in funzione o alla miglior fruibilità, comprese le attrezzature sportive che hanno una vita economica di almeno 5 anni, con l’esclusione dei mezzi di trasporto, degli animali, delle attrezzature utilizzate per interventi di movimento terra e attività di coltivazione e manutenzione di terreni e delle superfici erbose;
Materia: 
Sport
Soggetti beneficiari: 
Possono accedere ai contributi regionali nelle tipologie a), b) e c) sopra descritte:
1. enti e organismi pubblici:
  • i comuni fino a 10.000 abitanti o loro consorzi e aziende o società a prevalente capitale pubblico che ricadono in tali comuni.
2. organizzazioni sportive e altri enti con o senza personalità giuridica:
  • le federazioni sportive nazionali riconosciute dal CONI;
  • le discipline sportive associate riconosciute dal CONI;
  • gli enti di promozione sportiva con o senza personalità giuridica e riconosciuti dal CONI;
  • le associazioni e società sportive con o senza personalità giuridica, senza fine di lucro affiliate da almeno un anno ad una FS o ad una DSA o ad un EPS riconosciuti dal CONI;
  • gli enti morali (parrocchie, istituti religiosi) che perseguono, in conformità delle normative che li concernono e sia pure indirettamente, finalità ricreative e sportive senza fine di lucro (articolo 3 della legge 1295/1957, così come sostituito dall’articolo 2 della legge 50/1983).

Possono accedere ai contributi regionali nella tipologia e) sopra descritte:
1. enti e organismi pubblici:
  • le province e la Città metropolitana di Torino;
  • le unioni di comuni;
  • i comuni e loro consorzi o aziende o società a prevalente capitale pubblico.
2. organizzazioni sportive e altri enti con o senza personalità giuridica:
  • le federazioni sportive nazionali riconosciute dal CONI;
  • le discipline sportive associate riconosciute dal CONI;
  • gli enti di promozione sportiva con o senza personalità giuridica e riconosciuti dal CONI;
  • le associazioni e società sportive con o senza personalità giuridica, senza fine di lucro affiliate da almeno un anno ad una FS o ad una DSA o ad un EPS riconosciuti dal CONI;
  • gli enti morali (parrocchie, istituti religiosi) che perseguono, in conformità delle normative che li concernono e sia pure indirettamente, finalità ricreative e sportive senza fine di lucro (articolo 3 della legge 1295/1957, così come sostituito dall’articolo 2 della legge 50/1983).
Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Pubblicazione: 
24 Nov 2016
Data pubblicazione BURP: 
24 Nov 2016
Note: 
Le domande di contributo devono essere inoltrate obbligatoriamente mediante propria casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo di PEC regionale: culturaturismosport@cert.regione.piemonte.it in ossequio alle norme vigenti, nel periodo compreso fra il 24.11.2016 (data di pubblicazione della modulistica sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte)  e il 16. 01.2017. Le domande di contributo che pervengono in data successiva al periodo sopra indicato saranno dichiarate inammissibili. 
Note presentazione domande: 
La domanda di contributo deve essere inoltrata esclusivamente mediante la compilazione del “modulo unico di domanda” sottoscritto dal legale rappresentante, corredato dai documenti in esso richiesti.

Importo in €: 
per il sostegno degli interventi sono stati stanziati complessivamente euro 500.000,00
Contatti: 
Segreteria di Settore 011/4321503.
Alfio Caudano tel 011/ 432.2398 alfio.caudano@regione.piemonte.it
Marcella Agosto tel. 011/432.2269 – e mail: marcella.agosto@regione.piemonte.it                      
Struttura di riferimento: 
A2004A - OFFERTA TURISTICA E SPORTIVA