venerdì 29 aprile 2016

Aperte le iscrizioni per i tirocini Robert Schuman al Parlamento europeo





C’è tempo fino alla mezzanotte del 15 maggio 2016 per iscriversi ai tirocini “Robert Schuman” presso il Parlamento europeo. Possono iscriversi a tale tirocini i titolari di diplomi universitari che soddisfino le seguenti condizioni:
  • essere cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea o di un paese candidato all’adesione, fatto salvo il disposto dell’articolo 5, paragrafo 2, delle norme interne;
  • aver compiuto 18 anni alla data d’inizio del tirocinio;
  • avere una profonda conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea;
  • non aver usufruito di un tirocinio o di un impiego retribuito di più di quattro settimane consecutive a carico del bilancio dell’Unione europea.
Il tirocinio si svolgerà dal 1 ottobre al 28/29 febbraio.

La durata dei tirocini è di cinque mesi non prorogabili in nessun caso.
Questi tirocini prevedono:
  • un’opzione generale, aperta a tutti i candidati che soddisfano le condizioni di ammissione;
  • un’opzione giornalismo: i candidati devono avere un’esperienza professionale comprovata da pubblicazioni, dall’iscrizione all’ordine dei giornalisti di uno Stato membro dell’Unione europea o dal completamento di una formazione giornalistica riconosciuta negli Stati membri dell’Unione europea o negli Stati candidati all’adesione;
  • un’opzione “Premio Sacharov”: questo programma è inteso ad approfondire la conoscenza dell’azione del Parlamento europeo a favore dei diritti umani e delle norme internazionali in materia, ed è rivolto ai candidati che presentano uno spiccato interesse per le questioni relative ai diritti umani.

 Link di riferimento: 

http://www.europarl.europa.eu/atyourservice/it/20150201PVL00047/Tirocini

Compagnia San Paolo: Bando Cittadino Albero





La Compagnia di San Paolo, nel quadro del proprio impegno per il miglioramento della qualità della vita urbana e dell’uso sociale dello spazio pubblico, fattore centrale e determinante nei processi di rigenerazione verso città più belle, inclusive e sostenibili, invita a presentare proposte per iniziative che riguardano la dotazione di nuovo patrimonio arboreo e la cura delle aree adiacenti.

L’obiettivo è quello di intervenire su porzioni di territorio e/o spazi residuali urbani aumentando il patrimonio arboreo e sostenendo processi di partecipazione e cittadinanza attiva per la gestione delle aree interessate, in un’ottica di miglioramento delle attività ambientali e umane che definiscono il “metabolismo urbano”.

Saranno prese in considerazione proposte che riguardano la messa a dimora di alberi, comprensiva di manutenzione almeno triennale, e che promuovano e sostengano processi di cura dell’area di riferimento da parte di gruppi di cittadini e/o enti del terzo settore in collaborazione con l’amministrazione cittadina.

Possono essere oggetto di contributo progetti riferiti a centri urbani di almeno 15.000 abitanti del Piemonte (con esclusione del territorio della Città di Torino) e della Liguria, per le sole attività avviate a partire dalla data di pubblicazione del presente invito.

Le proposte potranno essere presentate entro il 31/8/2016 inviando una mail con oggetto:

Bando Cittadino Albero 


 Gli enti selezionati in questa prima fase saranno invitati entro il 30/10/2016 a presentare una richiesta di contributo entro il 31/12/2016 attraverso i moduli di Richiesta On Line (ROL) per contributi ordinari disponibili nella sezione Contributi, corredati eventualmente da una scheda tecnica ad hoc.

L’esito definitivo delle richieste di contributo sarà comunicato entro il 28/2/2017.

Informazioni, esigenze di chiarimento e ogni altra richiesta di contatto saranno da indirizzare a filantropiaterritorio@compagniadisanpaolo.it.

PSR 2014-2020, Operazione 12.2.1 “Compensazione del mancato reddito e dei costi aggiuntivi da vincoli ambientali nelle aree forestali dei Siti Natura 2000”.





Il bando finanzia i proprietari o i gestori di foreste pubbliche o private sottoposte a vincoli derivanti dall'applicazione delle Direttive “Habitat” e “Uccelli”, concedendo un sostegno economico per compensare i costi aggiuntivi e il mancato guadagno conseguenti a tali limitazioni.

Sono ammissibili al sostegno le superfici forestali piemontesi ubicate all’interno dei siti della rete Natura 2000; l’indennità è erogata sotto forma di premio annuale per ettaro di superficie forestale, per un periodo di 5 anni.

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Proprietari e/o i gestori di foreste private e/o pubbliche, singoli o associati

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
28 Apr 2016
Data pubblicazione BURP: 
5 Mag 2016
Note presentazione domande: 
esclusivamente telematica, tramite Sistema Piemonte

Importo in €: 
4,8 milioni di euro

Testo completo: 
Allegati: 

DD_959_27_04_2016.pdf

Link di riferimento:
http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/psr-2014-2020-operazione-1221-%E2%80%9Ccompensazione-del-mancato-reddito-e-dei-costi 

Link di approfondimento: http://www.regione.piemonte.it/foreste/it/966

Una legge regionale contro le ludopatie e il gioco d'azzardo



Tra le novità più rilevanti del provvedimento, la previsione del Piano triennale integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d'azzardo patologico che il Consiglio regionale dovrà approvare, su proposta della Giunta, entro novanta giorni dall'entrata in vigore della legge. Il Piano dovrà - tra l'altro - promuovere interventi per aumentare la consapevolezza sulla dipendenza correlata al gioco per i giocatori e le loro famiglie; favorire un approccio consapevole, critico e misurato al gioco; informare sull'esistenza di servizi di assistenza e cura svolti da soggetti pubblici e del terzo settore sul territorio regionale e sulle modalità d'accesso; informare i genitori e le famiglie sui programmi di filtraggio e blocco dei giochi on line; prevedere interventi di formazione e di aggiornamento, obbligatori ai fini della prosecuzione dell'attività, per i gestori e il personale delle sale da gioco e delle sale scommesse e pianificare campagne annuali d'informazione sui rischi e sui danni derivanti dalla dipendenza dal gioco.

Per tutelare determinate categorie di soggetti maggiormente vulnerabili e per prevenire il disturbo da gioco - poi - è vietata la collocazione di apparecchi per il gioco in locali che si trovino ad una distanza, misurata in base al percorso pedonale più breve, non inferiore a trecento metri per i Comuni con popolazione fino a cinquemila abitanti e non inferiore a cinquecento metri per i Comuni con popolazione superiore a cinquemila abitanti da istituti scolastici di ogni ordine e grado, centri di formazione per giovani e adulti, luoghi di culto, impianti sportivi, ospedali, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-sanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile ed oratori, istituti di credito e sportelli bancomat, esercizi di compravendita di oggetti preziosi ed oro usati, movicentro e stazioni ferroviarie. Per esigenze di tutela della salute e della quiete pubblica - poi - entro novanta giorni dall’entrata in vigore della legge i Comuni dovranno disporre limitazioni temporali all’esercizio del gioco tramite slot machine per una durata non inferiore a tre ore nell’arco dell’orario di apertura previsto, all’interno delle sale da gioco, delle sale scommesse, degli esercizi pubblici e commerciali, dei circoli privati e di tutti i locali pubblici o aperti al pubblico.

Ai fini della tutela della salute e della prevenzione della dipendenza da gioco è inoltre vietata qualsiasi attività pubblicitaria relativa all’apertura o all’esercizio delle sale da gioco, delle sale scommesse o all’installazione degli apparecchi per il gioco presso gli esercizi pubblici e commerciali, i circoli privati e i locali pubblici e la Regione promuoverà accordi con gli enti di esercizio del trasporto pubblico locale e regionale per favorire l'adozione di un codice di autoregolamentazione che vieti la concessione di spazi pubblicitari relativi al gioco a rischio di sviluppare dipendenza sui propri mezzi di trasporto.

Dopo l'approvazione del provvedimento l'Assemblea ha approvato all'unanimità l'ordine del giorno per il non passaggio al voto della proposta di legge - in gran parte recepita dal Testo unificato - presentata dai Comuni di Chivasso, Caluso, Ciriè, Ivrea e Settimo Torinese.

venerdì 22 aprile 2016

InTreCCCi – Casa Cura Comunità: il bando per la promozione della domiciliarità

Da tempo la Compagnia di San Paolo ha individuato il sostegno alla domiciliarità come importante linea di intervento a favore delle persone con limitata o nulla autosufficienza. Nel 2016 la Compagnia conferma tale impegno con il bando “InTreCCCi – Casa Cura Comunità”.


Il bando si propone di sostenere la promozione della domiciliarità, data la sfida costituita dai crescenti bisogni di cura che caratterizzano la società. Sono quindi promossi, quali elementi di valore specifici, l’attivazione della comunità e la valorizzazione delle opportunità offerte dalla tecnologia. La concezione di domiciliarità promossa dal bando include non solo gli interventi di assistenza a domicilio ma fa riferimento alla qualità della vita, con particolare attenzione alle relazioni e all’abitare sociale della persona non autosufficiente, del caregiver e del nucleo familiare nel suo complesso.

Le richieste di contributo potranno riguardare progetti di sostegno alla domiciliarità a favore di persone anziane o con disabilità, anche minori, dove la dimensione della domiciliarità viene intesa quale contesto dotato di senso per la persona, con un’attenzione alla qualità della vita e delle relazioni. Sono distinti sei ambiti di intervento: azioni per l’abilitazione, l’autonomia e la vita indipendente; iniziative innovative di cura e assistenza a domicilio realizzate da strutture residenziali e/o centri diurni in un’ottica di apertura al territorio; sviluppo di reti di coordinamento tra gli attori e percorsi di accesso ai servizi; formazione e sostegno ai caregiver; sviluppo di azioni di prossimità sul territorio; promozione della vita indipendente e dell’invecchiamento attivo e in salute.

È possibile presentare richieste di contributo entro il 7 luglio 2016 accedendo alla sezione contributi e utilizzando la scheda iniziativa specifica per il bando.

Informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo email anita.reboldi@compagniadisanpaolo.it.

Link di riferimento: http://www.compagniadisanpaolo.it/ita/Bandi-e-scadenze/InTreCCCi-Casa-Cura-Comunita

L.R. n. 63/78 art. 50. D.G.R. n. 11-5559 del 25/3/2013. Piano verde

L.R. n. 63/78 art. 50. D.G.R. n. 11-5559 del 25/3/2013. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti per la conduzione aziendale.

 

 

L’intervento prevede che il contributo regionale negli interessi sui prestiti per la conduzione aziendale nell’1% per le imprese ubicate in zona di pianura o di collina e nell’1,5% per quelle ubicate in zona di montagna. Nel caso in cui almeno il 50% dell’importo del prestito sia assistito da garanzia prestata da confidi esso è aumentato di 0,30 punti percentuali;

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Agricoltori singoli ed altre forme associate con meno di cinque imprenditori agricoli

Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Pubblicazione:    
14 Apr 2016
Note: 
Gli aiuti previsti sono concessi nel rispetto del “de minimis” ai sensi del Reg. CE n. 408/2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti de minimis nel settore agricolo
Importo in €: 
350.000 euro
Contatti: 
Favot Adriano: 0114322846 | Gagliano Flavio 0114324371
Testo completo: 

Invito: "IL PANE E'.....REALE!" sabato 23 aprile dalle ore 14:30 alle ore 18:30

Cari amici,

Vi invito a partecipare

al corso per imparare a fare dell'ottimo pane con pasta madre.

L'evento, che si terrà domani dalle ore 14:30 alle 18:00,

è stato organizzato da lieviTo in collaborazione con "Stupinigi fertile" e l'associzione "Stupinigi è"

Un'ottima occasione per imparare divertendosi con i prodotti del nostro territorio.



Concerto di beneficenza - "La Bellezza della Musica per Giada" sabato 30 Aprile - ore 15:00 - Villa Favorita Giaveno







venerdì 15 aprile 2016

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE INERENTI LA PROGRAMMAZIONE DI NUOVE SEZIONI DI SCUOLA DELL’INFANZIA STATALE PER L’A.S. 2016/17


L’istituzione di nuove sezioni di scuola dell’infanzia statali è autorizzata dalla Regione sulla base delle segnalazioni presentate dal Comune sede di scuola dell’infanzia statale che presenta una lista di attesa di almeno 18 alunni, esclusi i bambini che compiono 3 anni successivamente al 31.12.2016.





L’autorizzazione all’istituzione delle nuove sezioni da parte della Regione non comporta l’automatica attivazione delle stesse, che sarà effettuata dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte sulla base delle risorse umane disponibili.
Materia: 
Lavori servizi forniture
Soggetti beneficiari: 
La Regione Piemonte approva l’elenco delle istituzioni autonome e delle relative scuole dell’infanzia statali autorizzate all’attivazione delle nuove sezioni per l’a.s. 2016/17, secondo le seguenti priorità di intervento:
  1. comuni dove viene meno il servizio pubblico. In tal caso, di norma,  sarà assegnato un numero di sezioni corrispondente a quello del plesso soppresso;
  2. completamento di sezioni già funzionanti a orario ridotto nell’anno scolastico  2015/2016 e precedenti;
  3. scuole con allievi in lista di attesa in ordine decrescente rispetto alla lista medesima, con riserva del 30% dei posti complessivo ai comuni il cui territorio è montano, ed ai comuni in situazione di marginalità di cui alla deliberazione della Giunta regionale 21 novembre 2008, n. 1-10104, sulla base delle richieste accoglibili.
Tipologia avviso: 
Manifestazione di interesse
Pubblicazione: 
8 Apr 2016
Data pubblicazione BURP: 
7 Apr 2016
Note: 
Si definiscono “nuove sezioni”
  • le sezioni aggiuntive presso punti di erogazione di scuole dell’infanzia statale già funzionanti;
  • le sezioni da attivarsi presso punti di erogazione di scuole dell’infanzia statale autorizzati nell’ambito del Piano Regionale di revisione del dimensionamento scolastico, approvato con D.G.R. n. 38-2739 del 29.12.2015 rettificata con D.G.R. n. 15-2912 del 15.2.2016;
  • il completamento orario delle sezioni a tempo ridotto di scuola dell’infanzia statale, già funzionanti negli anni scolastici precedenti
Note presentazione domande: 

Il modulo di richiesta e tutta la relativa documentazione devono essere inviati via posta elettronica certificata (PEC)*  a coesionesociale@cert.regione.piemonte.it  (farà fede la data di invio)

PSR 2014-2020 - Misura 13 – operazione 13.1.1 – Indennità compensativa per le zone montane






L'indennità compensativa è un premio concesso agli agricoltori operanti nelle zone montane per compensare, almeno in parte, gli svantaggi a cui è soggetta l'attività agricola in tali zone.

L’indennità viene concessa per ogni ettaro di superficie agricola ricadente nelle zone classificate montane, sulla base di parametri unitari, fissati per classe di svantaggio, come specificato nel bando.

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Agricoltori in attività ai sensi dell’art. 9 del Reg. (UE) n. 1307/2013.
Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
12 Apr 2016
Data pubblicazione BURP: 
14 Apr 2016
Importo in €: 15.000.000,00
Contatti: 
Struttura di riferimento: 
A1808A - SVILUPPO DELLA MONTAGNA E COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA

Compagnia San Paolo: Bando per attrezzature richieste da aziende sanitarie




La Compagnia di San Paolo ha definito il 5 maggio 2016 come data di scadenza per la presentazione di domande di contributo a sostegno dell’acquisizione di attrezzature da parte di Aziende sanitarie presenti sul territorio di Torino e provincia.

Il bando intende essere uno strumento funzionale a una migliore programmazione e a una attività di valutazione e selezione più strutturata delle domande di contributo.
Le richieste dovranno essere trasmesse alla Compagnia di San Paolo attraverso la procedura ROL accessibile dalla pagina web della Compagnia.

Per maggiori informazioni visitare la sezione Contributi - scadenza unica. Si precisa che nella compilazione della scheda iniziativa a pag. 2 è necessario inserire “Sanità” come ambito di interesse e “Innovazione tecnologica” come filone. Una volta chiusa la scheda iniziativa, come di consueto, il sistema proporrà una scheda di approfondimento specifica.

L’attuale momento di ristrettezze economiche che colpisce anche l’ambito sanitario richiede a tutti gli attori uno sforzo ulteriore ai fini del corretto utilizzo delle stesse. Condizione necessaria all’avanzamento delle richieste sarà la verifica che il richiedente abbia sondato le possibilità esistenti nel suo ambito di cura di condivisione di attrezzature esistenti o miglior organizzazione del carico di lavoro delle stesse.

Tutte le richieste dovranno riportare, in allegato, indicazioni circa: la diffusione della condizione clinica in rapporto alla quale gli standard più avanzati consigliano l’utilizzo della specifica  tecnologia, la coerenza della richiesta con la programmazione regionale, l’impatto dell’acquisizione sull’organizzazione sanitaria e il relativo modello gestionale adottato, la sostenibilità nel tempo e il tasso di saturazione d’uso previsto.

Alla chiusura del bando, tutte le richieste pervenute che saranno giudicate ammissibili verranno sottoposte a una valutazione sia relativamente alla loro compatibilità con la programmazione sanitaria regionale sia in termini di Health Technology Assessment.

L’esito del bando verrà comunicato entro dicembre 2016.

Link di riferimento: http://www.compagniadisanpaolo.it/ita/Bandi-e-scadenze/Bando-per-attrezzature-richieste-da-aziende-sanitarie


Invito corso di formazione sull'unione europea - 21 aprile - Sala Viglione Consiglio regionale del Piemonte


La Consulta europea del Consiglio regionale del Piemonte, in collaborazione con l’Istituto Universitario di Studi Europei - IUSE, propone una giornata di approfondimento sui temi dell’Unione Europea.


Il corso gratuito e aperto a tutti si terrà giovedì 21 aprile dalle ore 16.30 alle 19.30 presso la Sala Viglione del Consiglio regionale del Piemonte (Palazzo Lascaris, via Alfieri 15. Torino).

L’iniziativa, che nei mesi di ottobre e novembre 2015 si è svolta anche nei Comuni di Brandizzo, Bricherasio, Villafranca Piemonte, Ivrea e Reano, vuole favorire una maggiore circolazione delle informazioni sulle opportunità offerte dall’UE al territorio piemontese e torinese e fornire ai beneficiari una “cassetta degli attrezzi” da cui poter attingere per riuscire a riconoscere, trovare ed in parte utilizzare le offerte provenienti dal mondo comunitario.


Dopo la mia introduzione, il prof. Giuseppe Porro, docente di Diritto internazionale dell’economia dell’Università di Torino, relazionerà su “Il coinvolgimento delle amministrazioni locali territoriali rispetto all’azione dell’Unione europea, mentre il prof. Michele Vellano, docente di Diritto internazionale e dell’UE dell’Università della Valle d’Aosta, approfondirà “Le opportunità di cooperazione con altre amministrazioni locali territoriali in Europa”. Chiude entrambe le giornate l’avv. Matteo Chiosso, del foro di Torino, che parlerà de “Il diritto dell’Unione europea come parametro di legittimità degli atti amministrativi degli enti locali.

“Lo scenario della nuova programmazione europea 2014 – 2020, preso in esame dal corso, rappresenta per i partecipanti una interessante opportunità  a sostegno delle politiche comunitarie, in diversi ambiti: dalla cultura all’ambiente, dall’occupazione alla ricerca, dai trasporti alla competitività, dalla cittadinanza al sociale”.

Info e prenotazioni:
Consulta Regionale Euopea - Consiglio Regionale del Piemonte, via Alfieri 15

tel. 011 5757528; consulta.europea@cr.piemonte.