venerdì 20 maggio 2016

Vivomeglio 2016



Anche per il 2016 la Fondazione CRT ha aperto il bando “Vivomeglio”, stanziando fino a 25.000 euro di contributi per progetti di welfare volti a migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità sul territorio del Piemonte e della Valle d’Aosta.
Potranno essere finanziati progetti che propongono soluzioni nuove, efficaci e sostenibili per la domiciliarità, l’integrazione sociale, lo sviluppo dell’autonomia e delle abilità personali di donne, uomini, bambini e ragazzi in difficoltà.

Superano così gli 8 milioni di euro le risorse che Fondazione CRT ha investito per “Vivomeglio” dal 2012 a oggi, per un totale di 725 interventi già finanziati. Nell’ultimo anno, in particolare, sono stati sostenuti progetti in grado di aiutare 140mila persone, di cui 8.700 con disabilità: dall’avvio di tirocini e borse lavoro, all’integrazione scolastica ed extrascolastica degli allievi disabili; dall’organizzazione di tornei, attività sportive, laboratori teatrali, di cucina, lettura e perfino yoga, ai programmi di pet therapy e musicoterapia; dalle visite ai musei e dalle serate al cinema, ai soggiorni in montagna e al mare; dalla creazione di spazi di ascolto e sostegno psicologico, all’accompagnamento domiciliare e alla preparazione alla vita indipendente.

Un risultato che dimostra come l’intervento di Fondazione CRT a favore della disabilità attraverso il bando Vivomeglio rappresenti ormai un punto di riferimento importante per la comunità territoriale di riferimento (per ulteriori informazioni è disponibile l'elenco dei beneficiari dei contributi approvati nel periodo agosto-dicembre 2015, comprendente i progetti approvati nell'ambito del bando Vivomeglio, cliccando qui).

BANDO 2016

Il bando Vivomeglio 2016 è aperto. La scadenza è il 30 giugno 2016.

Sono destinatari del bando tutti gli enti finanziabili dalla Fondazione CRT che svolgano secondo statuto iniziative a sostegno delle persone disabili nel territorio delle regioni Piemonte e Valle d’Aosta. I soggetti richiedenti possono anche non avere sede nel territorio delle suddette regioni, ma debbono in questo realizzare l’oggetto della richiesta di contributo.
Per presentare domanda di contributo a valere sul bando è necessario:
Link di riferimento: http://www.fondazionecrt.it/attivit%C3%A0/welfare-e-territorio/2016-bando-vivomeglio.html

Reactivate: bando per lo sviluppo di un nuovo programma di mobilità lavorativa intra-UE per disoccupati over 35






La Commissione europeaDG Occupazione, Affari sociali, Inclusione – ha pubblicato un bando per l’Azione preparatoria “Reactivate” con l’obiettivo di favorire la realizzazione di un programma di mobilità lavorativa intra-UE (nominato Reactivate) per aiutare le persone di età superiore ai 35 anni, in particolare quelle disoccupate, a trovare un lavoro, un’opportunità di tirocinio o apprendistato in uno Stato membro diverso da quello di residenza.

I progetti da finanziare dovranno:
– fornire un pacchetto completo di servizi di mobilità che combini misure di attivazione personalizzate e sostegno finanziario diretto sia al gruppo target (cittadini dell’UE over 35 anni, in particolare disoccupati) che ai datori di lavoro (in particolare PMI);

– includere servizi di informazione e assistenza sulle opportunità di lavoro, di incontro domanda-offerta e di preparazione del collocamento/assunzione in un certo numero di Stati membri che contemplano posti di lavoro, apprendistati e tirocini;

– fornire sostegno finanziario al gruppo target e ai datori di lavoro.

Possono partecipare come lead applicant di progetto: servizi per l’impiego (pubblici e privati) o organizzazioni specializzate di collocamento. Come co-applicant: organizzazioni pubbliche e private, che si occupano di formazione, orientamento professionale, mentoring, consulenza legale.

I progetti devono essere realizzati da un consorzio costituito da almeno 4 partner (il lead applicant + 3 co-applicant) stabiliti in 4 diversi Stati UE.

Il budget è di 3.000.000 di euro e saranno finanziati 4-6 progetti per i quali la sovvenzione UE richiesta deve essere compresa tra 500mila e 750mila euro e può coprire fino al 95% dei costi totali ammissibili.

La scadenza del bando è 1 luglio 2016

Comuni fioriti, apertura del concorso 2016

ASPROFLOR, Associazione dei produttori florovivaisi, annuncia l'apertura delle iscrizioni all'edizione 2016 del CONCORSO NAZIONALE COMUNI FIORITI



Come nell'edizione 2015, il Concorso avrà il patrocinio dell'Uncem Piemonte che offrirà supporto operativo nella diffusione e nella promozione del concorso, dando anche disponibilità alle Amministrazioni comunali perincontri dedicati al marketing territoriale e alla manutenzione del verde pubblico, coinvolgendo la comunità.

Le iscrizioni dei Comuni dovranno pervenire entro il 31 MAGGIO 2016 ad questi indirizzi recapiti:

Segreteria Organizzativa Comuni Fioriti
c/o Distretto Turistico dei Laghi
Via dell'Industria, 25
28924 Verbania Fondotoce (VB)

e-mail info@comunifioriti.it
Fax 0323 934335

Le Amministrazioni comunali chiamate al voto potranno trasmettere l'iscrizione entro e non oltre il 30 GIUGNO 2016.
Regolamento del concorso:
Scheda di partecipazione: 
 

Pericle 2020 il programma contro le frodi monetarie




Pericle 2020 è il programma europeo nato per combattere la lotta contro la contraffazione monetaria e vi partecipano tutti gli Stati membri che utilizzano l’euro come moneta unica.

Il programma sostiene le attività in linea con gli obiettivi del programma, in particolare:

  • (a) lo scambio e la diffusione d’informazioni, in particolare attraverso l’organizzazione di laboratori, seminari, riunioni e seminari,  tra cui la formazione, tirocini mirati e scambi di personale delle autorità nazionali competenti e altre attività analoghe. Lo scambio di informazioni verte, tra l’altro su quanto segue:
    • le metodologie di controllo e di analisi dell’impatto economico e finanziario della ontraffazione monetaria;
    • il funzionamento delle banche dati e dei sistemi di allarme rapido;
    • l’utilizzo di strumenti di individuazione attraverso, in particolare, applicazioni informatiche;
    • i metodi d’inchiesta e di indagine;
    • l’assistenza scientifica, in particolare banche dati scientifiche e vigilanza tecnologica/monitoraggio dei nuovi sviluppi;
    • la protezione dell’euro all’esterno dell’Unione europea;
    • le attività di ricerca;
    la messa a disposizione di competenze operative specialistiche;
  • (b) l’assistenza tecnica, scientifica ed operativa, in particolare:
    • qualsiasi misura che consenta di costituire a livello europeo strumenti didattici (raccolte della legislazione dell’Unione europea, bollettino d’informazione,
    • manuali pratici, glossari e lessici, basi di dati, in particolare in materia di assistenza scientifica o sorveglianza tecnologica) o applicazioni informatiche di supporto quali software;
    • realizzazione di studi pertinenti aventi un interesse pluridisciplinare e transnazionale;
    • sviluppo di strumenti e metodi di sostegno tecnico all’attività di individuazione a livello dell’Unione europea;
    • assistenza finanziaria per la cooperazione nelle operazioni che coinvolgono almeno due Stati membri quando essa non sia fornita da altri programmi di istituzioni e organismi europei
     
  • (c) sovvenzioni volte a finanziare l’acquisto delle attrezzature che saranno utilizzate da autorità specializzate nella lotta alla contraffazione per la protezione dell’euro contro la falsificazione.

Al momento è aperta una call, con scadenza 14 settembre 2016, con un budget di 350.000 euro.

Per ulteriori informazioni:
http://ec.europa.eu/dgs/economy_finance/procurement_grants/callforproposals/2016/001r6/2_call_final_en.pdf

venerdì 13 maggio 2016

PSR: Presentazione delle domande per le azioni di informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità nell’ambito del Salone del gusto edizione 2016.

PSR 2014-2020, Misura 3, Operazione 3.2.1 Presentazione delle domande per le azioni di informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità nell’ambito del Salone del gusto edizione 2016.

 


Il bando operazione 3.2.1 La misura si propone di sostenere le attività promozionali a favore delle produzioni di qualità a denominazione di origine svolte alle associazioni di produttori nell’ambito della manifestazione Salone del Gusto edizione 2016.

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Possono beneficare della misura 3.2.1 le associazioni di produttori

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
5 Mag 2016
Data pubblicazione BURP: 
5 Mag 2016
Importo in €: 
140.000,00
Contatti: 
Daniela Scarzello, email: Daniela.scarzello@regione.piemonte.it

Struttura di riferimento: 
A1708A - VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE E TUTELA DELLA QUALITÀ

Donne e il futuro del pianeta


Letteratura e arte possono facilitare una presa di coscienza, favorire alleanze globali e stimolare un attivismo ecologico che spesso vede protagoniste le donne.


Presentato il 12 maggio  presso l'Arena Piemonte al Salone Internazionale del Libro di Torino, il progetto di Ateneo Transnational Appetites: Migrant Women’s Art and Writing on Food and the Environment finanziato dalla Compagnia di San Paolo e promosso dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino e dal festival Alla tavola delle migranti"






Al dibattito sono intervenute: la vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte Daniela Ruffino con delega alla Consulta Femminile, Daniela Fargione dell'Università degli Studi di Torino, Cinzia Pecchio Presidente Consulta Femminile regionale del Piemonte  e  le autrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre.


Nell’arte e nella letteratura quindi, il cibo svolge un ruolo cruciale ed è protagonista delle storie raccontate da molte donne. Inoltre, proprio il cibo rappresenta un legame diretto tra il corpo e l’ambiente naturale. E sono spesso proprio le donne a favorire alleanze globali e a stimolare un attivismo ecologico a partire dalle tematiche legate al cibo.


L'intera industria alimentare del cibo concorre ormai alla crisi ecologica contemporanea. Ecco allora l’idea di esplorare le interconnessioni tra cibo e ambiente naturale e la loro rappresentazione artistica in contesti transnazionali.

Bando SME Innovation Associate

Scade il 30 giugno 2016 il bando “SME Innovation Associate” per l’inserimento in alcune PMI innovative di collaboratori di ricerca post-dottorato provenienti da altri paesi.
 “SME Innovation Associate” è una nuova azione pilota nell’ambito del programma europeo Horizon 2020, il cui scopo è quello di agevolare le PMI e start-up europee.

Il bando mira a far incontrare le PMI e le start-up con specialisti altamente qualificati (PhD o equivalenti) che non sono disponibili sul mercato del lavoro nazionale, ma la cui conoscenza consentirebbe di esplorare una business idea e trasformarla in un progetto innovativo concreto.

La Commissione Europea selezionerà fino a 90 PMI e startup con le idee più innovative e i migliori piani di assunzione.

Le PMI selezionate per il reclutamento riceveranno una sovvenzione che copre lo stipendio del ricercatore per 12 mesi e i relativi costi, a partire da settembre 2017.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito:

Il Catalogo Pittori per la Pace protagonista al Salone Internazionale del Libro 2016

Visioni futuristiche sono le radici del

Catalogo Pittori per la Pace

Grazie alla lungimiranza dei molti artefici della Collezione di Torre Canavese, oggi si è potuto dar vita ad un catalogo destinato ad essere portatore di un messaggio universale di fratellanza e di pacifica convivenza.

Sabato 14 maggio alle ore 11,00 nella Sala Argento del XXIX Salone internazionale del Libro al Lingotto di Torino, verrà presentato al grande pubblico il Catalogo Pittori per la Pace che racchiude le opere che compongono l’omonima collezione conservata e visitabile in Torre Canavese.

Il catalogo Pittori per la Pace è assolutamente indicato a rappresentare il tema Visioni del Salone del Libro 2016 e non solo perché è un libro ‘da vedere’ ma anche e soprattutto perché, le visioni di molte persone intelligenti e lungimiranti e nel loro continuo lavoro di tanti anni, ne hanno costituito le radici.
La collezione Pittori per la Pace prende spunto da un’idea di Marco Datrino, antiquario di fama internazionale che ha scelto questo piccolo paese del Canavese per farne la propria casa e la sede della propria attività; grazie al suo infaticabile lavoro, Datrino è riuscito a sfondare il muro di diffidenza dei governanti dell’Urss che, in quegli anni, si stava pian piano aprendo verso l’occidente fino a portare in Torre alcune mostre di rilevanza internazionale che hanno visto il culmine nel 1993 quando, con il titolo ‘Tesori del Cremlino. L’arte e la storia’ si è potuto ammirare il tesoro più grande mai uscito dai confini della Russia e che sarebbe stato il vanto dei più grandi musei di tutto il Mondo. Il successo degli eventi organizzati e la conoscenza di tanti artisti dell’ex Unione Sovietica hanno fatto sì che, con la collaborazione dell’amministrazione Comunale di allora, Marco Datrino riuscisse a portare a Torre Canavese decine di artisti che hanno donato le loro opere per abbellire le vie del paese fin su, all’antica torre. Ma un’altra visione si fece chiara: occorreva chiamare altri artisti da molte altre parti del mondo per far sì che l’antico borgo divenisse, grazie all’arte, un messaggio di pace e di fratellanza da lanciare in ogni dove e gli artisti interpellati, condividendo la pregevole iniziativa, arrivarono a decine da Italia,  Francia, Germania, Cina, Sud Africa, Iran, Siria, Israele, Palestina e Giordania  lavorando all’unisono per urlare forte al mondo intero come, pur nella diversità di stili di vita, convinzioni religiose e matrici storiche, la Pace sia possibile e realizzabile.

Da allora, la Collezione Pittori per la Pace è visitabile tutti i giorni per le vie del paese e nella Pinacoteca Raissa Gorbaciova inaugurata nell’ormai lontano 2003 alla presenza di Michail Gorbaciov.

Sull’onda di quanto già realizzato, una nuova visione si è fatta strada nell’animo  dell’attuale consigliere delegato alla cultura di Torre Canavese, Cristina Barello che, contagiata dalla passione di suo padre grande fautore della collezione, ha colto al volo il suggerimento offerto da Simona Truglio, Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Eleyka e titolare dell’agenzia Stoà Comunicazione che ha lanciato l’idea di realizzare questo catalogo sia per rispondere fedelmente allo spirito che ha dato vita a questa collezione: continuare ad inviare il messaggio di pace insito nell’insieme delle opere realizzate dai ‘Pittori per la Pace’, sia per utilizzare il ricavato dalla vendita del catalogo per offrire a giovani artisti borse di studio che permettano loro di lavorare al restauro conservativo della collezione en plein-air.

L’Amministrazione Comunale è stata subito informata e ha dato parere favorevole incaricando la stessa ideatrice di ricercare partner pubblici e privati che supportassero l’iniziativa.

Nel perseguire questo scopo, Simona Truglio ha sottoposto il progetto di valorizzazione e divulgazione della Collezione alla Consulta regionale europea, certa che la sua Presidente, Daniela Ruffino, avrebbe saputo cogliere l’opportunità di rappresentare, attraverso la Collezione, lo spirito della nuova Europa e il valore europeo che il Piemonte può contribuire a costruire. “Pittori per la Pace” è infatti testimonianza di una cultura che supera i confini e del patrimonio artistico e culturale che il Piemonte è stato in grado di raccogliere e valorizzare.

Pittori per la Pace_Daniela Ruffino 400Già come Sindaco della città di Giaveno, Daniela Ruffino, nel suo instancabile lavoro di politico appassionato e legato al territorio, aveva iniziato ad affermare che il senso di appartenenza alle proprie origini e tradizioni non deve essere inteso come fonte di diatriba con luoghi e culture diverse ma deve divenire una fucina di intendimenti ed unicità che, in accordo con le specificità di altre zone e di altri contesti, possano creare un unicum armonico ed olistico in cui il risultato finale è sicuramente più grande ed importante del peso specifico delle varie realtà che lo compongono.

Lavorare per progredire ritrovando un sistema globale di vita più a misura d’uomo e più attento alle esigenze del singolo cittadino nella sua ricerca di serenità che gli permetta di godere appieno della sua esistenza e di quella delle persone che ama. Ma per ottenere tutto ciò, è essenziale che ci sia pace poiché dove non c’è pace c’è guerra che è sinonimo di odio, morte, lutto e disperazione. Educare con l’esempio e con la propria attività di amministratore del bene pubblico alla comprensione, alla concordia ed alla pace le vecchie e, soprattutto, le nuove generazioni è sempre stato uno dei punti cardine del suo ‘far politica’ affidandosi ai toni calmi e ad un sorriso franco e cortese che sottende la piena disponibilità al dialogo ed alla condivisione di prospettive comuni.

In un’ottica di dialogo e comunione di intenti, il progetto ha ricevuto il parere favorevole della Consulta regionale europea. Ed è grazie al sostegno e alla sensibilità dimostrata da Daniela Ruffino – vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte e presidente delegata alla Consulta regionale europea, Domenico Tomatis – direttore della comunicazione istituzionale, Cosimo Poppa – dirigente organismi consultivi e Rosamaria Zucco – sovrintendenza e coordinamento organismi consultivi, che è stato possibile realizzare il primo catalogo della Collezione Pittori per la Pace che inaugura al XXIX Salone Internazionale del Libro di Torino la sua nuova stagione con un messaggio di pace interculturale, più che mai utile e attuale.






venerdì 6 maggio 2016

Programma EaSI. Bando per "misure di informazione e formazione a favore delle organizzazioni di lavoratori"


Scade il 27 maggio 2016, l'invito a presentare proposte pubblicato dalla Direzione Generale Occupazione, affari sociali e inclusione della Commissione europea, per "misure di informazione e formazione a favore delle organizzazioni di lavoratori"

Il presente invito a presentare proposte sostiene misure e iniziative volte a rafforzare la capacità delle organizzazioni dei lavoratori ad affrontare i cambiamenti nel settore dell'occupazione a livello europeo e transnazionale.
Il bando co-finanzia azioni del tipo: conferenze, seminari, tavole rotonde, studi, indagini, pubblicazioni, corsi di formazione, strumenti di formazione, creazione di reti e sviluppo e scambio di buone pratiche.
 
Il bando è aperto ad organizzazioni partner sociali che rappresentano i lavoratori a livello europeo, nazionale o regionale dei seguenti aree:
  • Stati membri dell'Ue
  • Paesi candidati 
Il finanziamento comunitario a disposizione del bando è pari a 4.050.000 euro. Co-finanziamento comunitario compreso tra 150.000 euro e 500.000 euro. 

Link di riferimento: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=629&langId=en&callId=478&furtherCalls=yes
 

Bando Regione Piemonte: “Imboschimento” – domande di conferma 2016

 

 

Misura H-2080 “Imboschimento” – domande di conferma 2016

Il bando prevede la presentazione di domande di conferma degli impegni e di pagamento dei premi annui di mancato reddito e manutenzione, relativi agli interventi di imboschimento di terreni agricoli con impianti a ciclo non breve (arboricoltura a ciclo medio-lungo; bosco naturaliforme) realizzati da soggetti privati in attuazione del Reg. CEE 2080/92 e  della Misura H del PSR 2000-06.

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Imprenditori agricoli  e altri soggetti privati (persone fisiche o giuridiche).

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
27 Apr 2016
Data pubblicazione BURP: 
28 Apr 2016
Note presentazione domande: 
Esclusivamente telematica, tramite Sistema Piemonte 

Struttura di riferimento: 
A1807A - FORESTE

Bando Funder35 rivolto alle imprese culturali non profit composte da giovani sotto i 35 anni


Torna il Bando Funder35, promosso da 18 fondazioni tra cui la Fondazione CRT e rivolto alle imprese culturali non profit composte da giovani sotto i 35 anni.

A disposizione ci sono 2 milioni e 650 mila euro di risorse private per sostenere, accompagnare e rafforzare le giovani imprese culturali sia sul piano organizzativo che gestionale, premiando l’innovatività.  

L’iniziativa è dedicata alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, onlus, fondazioni, ecc), impegnate principalmente nell’ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme o nell’ambito dei servizi di supporto alla valorizzazione dei beni e delle attività culturali. Sono soggetti caratterizzati spesso da una forte fragilità strutturale e operativa e dalla dipendenza, decisiva, dalle sovvenzioni saltuarie di finanziatori pubblici e privati. Imprese culturali a volte legate al ciclo di vita di progetti occasionali, che non innescano processi in grado di garantire un’attività consolidata e costante.

L’obiettivo di Funder35 è superare proprio queste criticità, sostenendo e accompagnando le imprese culturali già attive. L’iniziativa – nata nel 2012 nell’ambito della Commissione per le Attività e i Beni Culturali dell’Acri, l’Associazione delle fondazioni – attraverso il bando annuale offre alle imprese culturali selezionate un’opportunità di crescita e di sviluppo attraverso un contributo economico a fondo perduto e un’attività di accompagnamento, che prevede un supporto formativo e una serie di facilitazioni tra cui l’accesso a servizi di sostegno al credito, grazie al protocollo di intesa Acri – Funder35 – ABI siglato a gennaio, e la possibilità di accedere ad una piattaforma di crowdfunding dedicata.

I territori coinvolti dal Bando sono le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta e le province di Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna, Pordenone e Udine in Friuli-Venezia Giulia, le province della Spezia e di Genova in Liguria, le province di Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche, di Firenze, Livorno e Lucca in Toscana, le province di Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto. Saranno considerate ammissibili esclusivamente le proposte di progetto finalizzate a rendere sostenibili nel tempo le imprese culturali e le loro attività attraverso interventi di miglioramento della struttura organizzativa, di rinnovamento dei processi e degli strumenti di produzione, l’introduzione sul mercato di prodotti o servizi di carattere innovativo in grado di favorire il posizionamento strategico dell’impresa, l’avvio di collaborazioni stabili con altre organizzazioni di settore. 

Le proposte dovranno essere presentate da soggetti il cui organo di gestione sia costituito per la maggioranza assoluta da giovani under 35 e/o in cui questi ultimi ricoprano le cariche principali (presidente e vicepresidente). Potranno partecipare anche le organizzazioni nel cui statuto l’attività culturale non è esplicitata come finalità principale, ma che nei fatti risulti essere prevalente (concentrazione del volume delle attività svolte nell’ultimo triennio, desumibile ad esempio dal curriculum, dal bilancio, ecc.). Ciascuna organizzazione potrà presentare una sola proposta progettuale.

Le imprese culturali potranno partecipare singolarmente o in partnership con altre organizzazioni. Le proposte dovranno essere presentate on-line entro il 1° luglio 2016 dal sito www.funder35.it

"FESTA DELL'EUROPA" lunedì 9 maggio dalle ore 10 alle 17, in Piazza Castello - Torino






Lunedì 9 maggio dalle ore 10 alle 17, in Piazza Castello, verrà celebrata la Festa dell’Europa, organizzata dalla Consulta regionale europea presso il Consiglio regionale, con la collaborazione del Parlamento europeo e il patrocinio della Città di Torino.

Nell’ambito della manifestazione si svolgerà la cerimonia di premiazione dei vincitori della 32^ edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei” per l’anno scolastico 2015/2016.

La Conferenza stampa di presentazione si è tenuta il 4 maggio nella Sala dei Presidenti di Palazzo Lascaris ed alla quale hanno partecipato le diverse componenti che hanno permesso la organizzazione di questo evento: l’Istituto Universitario di Studi europei (che collabora da anni per la riuscita del concorso per le scuole che, dal 1983, ha coinvolto 200mila studenti); l’Associazione artigiana panificatori della provincia di Torino, che per l’occasione ha preparato un particolare formato di pane che verrà presentato nel corso dell’evento, “il pane dell’Europa”; l’Associazione “Stupinigi è…” che promuove il pregiatissimo grano raccolto nell’ambito del Parco e  l’eccellente pane prodotto con questo cereale lavorato a pietra nel Molino Roccati; il Coordinamento dei volontari della protezione civile della provincia di Torino che lunedì garantirà il montaggio degli stand e concorrerà alla cornice di sicurezza; Radio Immaginaria, prima e unica radio di adolescenti in Europa (tra gli 11 e i 17 anni), che ha anche sedi fuori dal Vecchio Continente e molte antenne in Italia con la sede subalpina che curerà la diretta dell’evento.

Questo è il primo anno che si è organizzato un evento del genere.

Lo scorso anno la Consulta partecipò alla Festa dell’Europa all’Expo 2015. Quest’anno, il giorno 13, la Consulta tornerà nel capoluogo meneghino (Ufficio del Parlamento europeo) con una parte dei vincitori per proseguire i festeggiamenti della ricorrenza che rievoca la Dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950.

I 200 vincitori premiati (su quasi mille300 studenti partecipanti al concorso e proveniente da tutte le province piemontesi) potranno partecipare, tra gli altri, anche ad uno dei due viaggio studio a Bruxelles, presso le istituzioni europee.