giovedì 30 giugno 2016

PSR 2014-2020, Misura 1 - Operazione 1.2.1 Azione 1 "Attività dimostrative e di informazione in campo agricolo". Bando 1/2016




L'operazione sostiene attività dimostrative ed azioni di informazione destinate alle imprese, agli addetti ed ai tecnici dei settori agricolo ed agroalimentare, alle PMI ed agli altri soggetti pubblici e privati operanti nelle zone rurali. Possono presentare domanda di sostegno Enti, Organizzazioni, Associazioni o Associazioni Temporanea di Impresa (ATI) o di Scopo (ATS) che organizzano le attività di dimostrazione o di informazione. La dotazione finanziaria prevista per l'attuazione di questo bando è stabilita in € 10.000.000,00 ripartita nelle varie focus aree.

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Enti, Organizzazioni, Associazioni o Associazioni Temporanea di Impresa (ATI) o di Scopo (ATS) che organizzano le attività di dimostrazione o di informazione.

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
29 Giu 2016
Data pubblicazione BURP: 
30 Giu 2016
Importo in €: 
€ 10.000.000,00
Struttura di riferimento: 
A1706A - SERVIZI DI SVILUPPO E CONTROLLI PER L'AGRICOLTURA

Montagna: oltre 8 mln per strade e acquedotti






Un altro tassello del Psr per rendere le terre alte più vivibili e con maggiori opportunità di crescita grazie al finanziamento, approvato dalla Giunta Regionale, di 8.700.000 euro per la sistemazione di strade e acquedotti rurali in collina e montagna.

Sono state assegnate le risorse per elaborare due bandi. L'obiettivo è ripristinare, sul territorio regionale, strade di transito libero e acquedotti rurali per utenze domestiche al servizio di più imprese agricole. Il primo bando è per le zone montane e pedemontane alpine; il secondo per le zone collinari e appenniniche del Piemonte orientale. 

Verranno sostenuti gli investimenti relativi a quelle infrastrutture necessarie allo sviluppo, all'ammodernamento e all'adeguamento delle aziende agricole e selvicolturali di collina e di montagna. 



Programma Giustizia UE: bandi 2016




Sono stati pubblicati i bandi del programma Giustizia relativi all’anno 2016.

Il programma Giustizia ha come obiettivi fondamentali:
– sostenere e agevolare la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale;
– sostenere la formazione giudiziaria al fine di promuovere una cultura giuridica e giudiziaria comune;
– facilitare l’accesso alla giustizia per tutti e promuovere i diritti delle vittime della criminalità, rispettando i diritti di difesa.

Si rivolge in particolare a:
Enti e organismi pertinenti, pubblici e privati, stabiliti nei seguenti Paesi: Stati UE (escluso Danimarca e Regno Unito in quanto unici Paesi UE che hanno deciso di non partecipare al programma “Giustizia”), Paesi EFTA/SEE, Paesi in via di adesione, Paesi candidati effettivi e potenziali.

Enti/organismi stabiliti in altri Paesi terzi, in particolare nei Paesi della politica europea di vicinato, possono partecipare a loro spese alle azioni del programma, qualora ciò sia utile alla realizzazione di tali azioni.

Enti e organismi a scopo di lucro possono partecipare al programma unicamente in associazione con organismi pubblici o senza scopo di lucro.
Il programma è aperto anche a organizzazioni internazionali attive nei settori coperti dal programma, quali ad esempio il Consiglio d’Europa e l’ONU.

Ecco i prossimi bandi:
Bando JUST-JACC-EJU-AG-2016: progetti nazionali e transnazionali in materia di e-Justice
Apertura: 26 ottobre 2016
Scadenza: 11 gennaio 2017

Bando JUST/JACC/PROC/AG/2016: progetti transnazionali volti a rafforzare i diritti delle persone indagate o imputate di reato
Apertura: 14 settembre 2016
Scadenza: 25 ottobre 2016

Bando JUST/JACC/VICT/AG/2016: progetti transnazionali volti a rafforzare i diritti delle vittime di reato
Apertura: 15 settembre 2016
Scadenza: 25 ottobre 2016

Bando JUST/JCOO/CIVI/AG/2016: progetti nazionali e transnazionali volti a rafforzare la cooperazione giudiziaria in materia di diritto civile
Apertura: 12 ottobre 2016
Scadenza: 07 dicembre 2016

Bando JUST/JCOO/CRIM/AG/2016: progetti nazionali e transnazionali volti a rafforzare la cooperazione giudiziaria in materia di diritto penale
Apertura: 09 novembre 2016
Scadenza: 11 gennaio 2017

Bando JUST/JCOO/TERR/AG/2016: progetti nazionali e transnazionali riguardanti la risposta della giustizia penale per prevenire la radicalizzazione che conduce al terrorismo e all’estremismo violento.
Apertura: 27 settembre 2016
Scadenza: 15 novembre 2016

Bando JUST/JTRA/EJTR/AG/2016: progetti transnazionali sulla formazione giuridica in materia di diritto civile, di diritto penale e di diritti fondamentali
Apertura: 14 settembre 2016
Scadenza: 16 novembre 2016

Ruffino: “Licei Musicali, gli errori di previsione della Regione Piemonte ricadono sui ragazzi esclusi”






Ruffino: “Licei Musicali, gli errori di previsione della Regione Piemonte ricadono sui ragazzi esclusi”

“ Quando una istituzione commette un errore sarebbe opportuno che si adoperi per trovare un rimedio anziché scaricare la responsabilità ad altri enti “ Lo ha reso noto con una interrogazione presentata stamane in Consiglio Regionale la Vicepresidente Danela Ruffino a proposito dei 35 ragazzi che nonostante abbiano sostenuto l’esame di ammissione per frequentare il Liceo Musicale Cavour di Torino risultandone idonei, si ritrovano tuttavia  ad essere esclusi per carenza di posti disponibili.
“ Al danno di ritrovarsi esclusi dalla possibilità di frequentare il Liceo Musicale di Torino” – continua Ruffino – “ si aggiunge la beffa di avere come unica possibilità per poter continuare questo percorso, quella di doversi spostare fino a Vercelli con le ovvie difficoltà logistiche ed economiche conseguenti

“ In provincia di Torino abbiamo decine di classi nelle scuole medie inferiori ad indirizzo musicale” aggiunge il Vicepresidente del Consiglio regionale – “ pertanto non si riesce a capire come possa essere prevista per la stessa provincia una sola sezione per la scuola media superiore “

“ Occorre che la l’Assessorato all’istruzione attui una visione più ampia e dettagliata di quanto sia attivo nel territorio ed anziché scaricare al Ministero competente la responsabilità di questa inspiegabile lacuna si adoperi invece presso lo stesso Ministero affinché si faccia interprete delle esigenze  reali che il territorio esprime” - conclude Ruffino – “ le classi ad indirizzo musicale nelle scuole medie inferiori sono note come lo sono anche le probabilità che molti studenti che le hanno frequentate vogliano continuare a coltivare questo percorso"



Interrogazione presentata in Consiglio regionale:
 


Al Presidente del
Consiglio regionale
del Piemonte

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA

ai sensi dell’articolo 100 del Regolamento interno

Oggetto: sezione aggiuntiva Liceo Musicale “Cavour” di Torino

PREMESSO che sono pervenute diverse segnalazioni di genitori i cui figli, nonostante siano stati dichiarati idonei a frequentare il Liceo musicale Cavour di Torino a seguito di regolare esame di ammissione lo scorso gennaio, non potranno iscriversi per l’anno scolastico 2016-2017; 

CONSIDERATO che i posti disponibili, e già assegnati, per poter frequentare il liceo di Torino sono solo 28 e i ragazzi esclusi che hanno sostenuto l’esame di ammisione e che sono risultati idonei sono in tutto 35;

TENUTO CONTO che l’unica alternativa possibile per questi 35 ragazzi sarebbe quella di iscriversi ai licei musicali di Cuneo e Vercelli, dove sono state attivate due sezioni in più;

CONSIDERATO che il percorso di studi che offre il Liceo musicale Cavour è particolarmente prestigioso e completo, guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per acquisire, anche attraverso specifiche attività, la padronanza dei linguaggi musicali sotto gli aspetti della composizione, interpretazione, esecuzione e rappresentazione, maturando la necessaria prospettiva culturale, storica, estetica, teorica e tecnica

Interroga l'Assessore competente

·       per sapere quali provvedimenti si intendano adottare, per quanto di competenza della Regione, affinchè sia istituita una nuova sezione presso il Liceo musicale Cavour dando così la possibilità a tutti i ragazzi idonei di poter proseguire gli studi a Torino.

IL CONSIGLIERE FIRMATARIO                                                               Daniela RUFFINO



Risposta dell'Assessore Gianna Pentemero: 



Interrogazione a risposta immediata n. 1117 presentata dalla Consigliera Ruffino, inerente a "Sezione aggiuntiva Liceo Musicale 'Cavour' di Torino"


OMISSIS


PRESIDENTE

Risponde l'Assessora Pentenero; ne ha facoltà.


PENTENERO Giovanna, Assessora all'istruzione

Grazie, Presidente.
Premesso che non esiste questo livello di programmazione rispetto alle sezioni ad indirizzo musicale nelle scuole medie, non ha nemmeno coerenza il  fatto che corrispondano sezioni  ad indirizzo musicale nella scuola media rispetto a sezioni nei licei, per un fatto molto semplice: non è detto che tutti i  ragazzi che frequentano una sezione ad indirizzo musicale poi frequentino un liceo. Dunque, questa rispondenza, in termini di  programmazione, non esiste.
Cosa diversa è poter rispondere alle domande di attivazione di sezioni rispetto a quelle che sono le richieste di orientamento che hanno effettuato le famiglie durante le iscrizioni. Sono due questioni diverse: un conto sono le sezioni  ad indirizzo musicale nelle scuole  medie, altro conto sono i licei. Purtroppo, contrariamente a quanto  avevo detto alla Vicepresidente, credevo che quella fattispecie  rientrasse all'interno delle questioni che stiamo affrontando sui sovranumeri nelle diverse sezioni di diversi ordini e che vi fosse la possibilità  di risolvere la questione  con l'organico di fatto, che, in questo momento, non è ancora stato  attribuito alla nostra Regione, a fronte di una richiesta che è stata effettuata dall'Ufficio Scolastico Regionale.
Per quanto concerne le sezioni  aggiuntive di licei musicali in tutto il Paese, la circolare emanata dal Ministero della Pubblica Istruzione prevede che non si  possano avere aumenti di sezioni di liceo musicale all'interno dei singoli licei autorizzati.
Questo prevede la circolare esplicativa.
Così com'è stato fatto per molte altre situazioni rientranti in altri ordini e grado, attraverso la Conferenza delle Regioni abbiamo attivato una serie di interlocuzioni con il Ministero e cercheremo di comprendere, in sede di attribuzione di organico di fatto, quali possibilità di modifica ci sono rispetto al  tema delle sezioni ad indirizzo musicale.
Va precisato che i numeri delle sezioni ad indirizzo musicale che sono state autorizzate all'interno della nostra Regione per l'anno scolastico appena concluso sono sette, e non tutte le sezioni di liceo ad indirizzo musicale sono state  completate all'interno  del panorama regionale. È evidente che c'è  un problema di mobilità, di spostamenti che non sempre si riesce a  garantire.
In ogni caso, consapevoli del problema, e consapevoli che non  è possibile risolverlo nella semplice trattativa tra Ufficio  Scolastico Regionale e Regione in sede di attribuzione di organico di fatto, sottoporremo la questione alla Conferenza delle Regioni per cercare di capire, innanzitutto,  se è un problema che ha toccato altri territori regionali, e quali soluzioni il  Ministero è disponibile a mettere in atto, a fronte di un numero di  personale docente che deve essere garantito, in sede di attribuzione delle classi, a seguito delle iscrizioni che avvengono  all'inizio dell'anno solare.








giovedì 23 giugno 2016

Polo europeo di consulenza sugli investimenti





Nasce il Polo europeo di consulenza sugli investimenti per sostenere gli obiettivi del Fondo europeo per gli investimenti strategici.

La finalità principale del Polo di consulenza è fornire consulenza a investitori, promotori di progetti e autorità di gestione pubbliche in materia di individuazione, sviluppo e preparazione dei progetti.

Il Polo di consulenza fornisce i suoi servizi sia a livello dell’UE che a livello locale. Si tratta di uno sportello unico per gli investitori o i promotori di progetti alla ricerca di consulenza sui progetti di investimento e il loro finanziamento e viene gestito in conformità di un accordo separato tra la Commissione europea e la BEI.


Alcuni dei servizi del Polo:
  • forniscono assistenza tecnica alle autorità e ai promotori di progetti
  • aiutano i promotori di progetti a sviluppare i propri progetti in modo che soddisfino i criteri di ammissibilità previsti dal regolamento FEIS
  • contribuiscono a rendere il sostegno del FEIS disponibile in tutta l’UE attraverso un uso efficiente delle conoscenze locali
  • fungono da piattaforma per scambi tra pari e condivisione di conoscenze sullo sviluppo dei progetti


Link di riferimento:

http://www.eib.org/eiah/

Approvata all'unanimità la legge per l'erogazione di contributi a enti e associazioni culturali






Gli enti e le associazioni culturali del Piemonte che intendono beneficiare dei contributi regionali potranno essere inseriti in una apposita tabella se sono in attività (singolarmente o in collaborazione con altri) da almeno tre anni. La tabella avrà validità triennale. Questi i principali aspetti della legge approvata oggi dal Consiglio regionale, che ha abrogato quella in vigore, la n. 49 del 1984.


Il disegno di legge era già stato affrontato in Commissione Cultura dove erano stati discussi alcuni emendamenti.
In particolare in quella sede era già stato rimosso il limite del possesso della sede per le associazioni beneficiarie dei contributi, molte di esse infatti sono in affitto.

Durante la discussione si è dato parere favorevole a un emendamento, che permette di inserire in tabella anche gruppi di associazioni o enti in cui, almeno uno dei componenti, sia attivo da più di tre anni.

La nuova legge prevede inoltre che la Regione possa avviare collaborazioni con gli enti compresi nella nuova tabella, che i Centri di documentazione e le Biblioteche partecipino al sistema bibliotecario nazionale e che presentino una relazione annuale sulle attività svolte.

La norma finanziaria della legge prevede che sia finanziata per il 2016 con 570mila euro, come successo nel 2015 per la legge 49.


PSR 2014-2020 – Misura 4 - Operazione 4.3.2

 

 

 

PSR 2014-2020 – Misura 4 - Operazione 4.3.2 - Ripristino di strade e acquedotti rurali al servizio di una moltitudine di aziende agricole. Bando n. 2/2016 per le zone collinari e appenniniche del Piemonte orientale.

Il bando finanzia la realizzazione e l’adeguamento di infrastrutture viarie minori e la razionalizzazione della rete di distribuzione dell’acqua potabile in aree rurali marginali nei Comuni individuati nella “tabella comuni zone collinari e appenniniche”

Materia: 
Montagna e Foreste
Soggetti beneficiari: 
Forme associative o consortili legalmente costituite il cui statuto deve avere scopi sociali attinenti alla operazione 4.3.2.

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
16 Giu 2016
Data pubblicazione BURP: 
16 Giu 2016
Note: 
Le opere devono essere a servizio di una molteplicità di utenti.
Le strade dovranno essere a libero transito.

Note presentazione domande: 
esclusivamente tramite Sistema Piemonte

Importo in €: 
4.350.000 euro
Contatti: 
Alberto Giraudo tel 0171319311
Patrizia Rasino tel 0171319332
Valeria Pellizzeri tel 0171319313

Struttura di riferimento: 
A1808A - SVILUPPO DELLA MONTAGNA E COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA