venerdì 29 luglio 2016

Bando per la richiesta di contributi da parte dei Comuni del Piemonte per la presentazione di progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali

L.R. 12 del 13.06.2016 – Bando per la richiesta di contributi da parte dei Comuni del Piemonte per la presentazione di progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali

Il bando è rivolto ai Comuni che possono presentare domanda per avere contributi finanziari per realizzare investimenti per dare ospitalità a salariati agricoli stagionali avventizi  (interventi di adeguamento di fabbricati o per realizzare strutture prefabbricate provvisorie)
Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Soggetti beneficiari: 
Comuni del Piemonte           
Data pubblicazione: 
21 Lug 2016
Data pubblicazione BURP: 
21 Lug 2016
Note: 
Gli investimenti devono essere realizzati nel 2016  
Note presentazione domande: 
Via PEC alla Direzione Regionale Agricoltura (agricoltura@cert.regione.piemonte.it)
Importo in €: 
25.000,00 euro massimo per Comune
Contatti: 
massimo.clerico@regione.piemonte.it                                                                                                   
claudio.barroero@regione.piemonte.it          tel 011.432.4341
Struttura di riferimento: 
A17000 - AGRICOLTURA

Bando Compagnia di San Paolo: Articolo +1



Con la pubblicazione del bando Articolo +1 la Compagnia invita il territorio a formulare progetti di politica attiva dedicati ai giovani.
L'obiettivo principale del bando è l'aumento dell’occupazione dei giovani con difficoltà a inserirsi nel mercato del lavoro e con maggiore attenzione a quelli con bassi livelli di occupabilità.

I progetti dovranno prevedere la realizzazione di percorsi focalizzati sull’obiettivo dell’occupazione, anche articolati in azioni, fasi e tempi diversi dai classici interventi di ricollocazione, personalizzati, multidimensionali perché integrano i servizi al lavoro e quelli formativi con interventi socio-educativi.

Sono destinatari degli interventi giovani inoccupati e disoccupati tra i 15 e i 29 anni compiuti, italiani e stranieri con regolare permesso di soggiorno, residenti nella Città Metropolitana di Torino, che rientrino in una fascia di reddito ISEE non superiore a 25.000 euro.
Dopo la verifica dei requisiti l’operatore attiverà la profilazione nel sistema informativo che, sulla base delle caratteristiche del destinatario, definisce l’appartenenza di ognuno a uno dei quattro profili di occupabilità. La profilazione avviene sulla base di un numero ristretto di variabili rilevanti attraverso un sistema sintetizzato nell’allegato 1.

Possono presentare richiesta gli operatori accreditati per i servizi al lavoro ai sensi della DGR n. 30-4008 dell’ 11 giugno 2012 ss.mm.ii. che abbiano almeno una sede accreditata sul territorio della Città Metropolitana di Torino. I progetti dovranno essere presentati in partenariato con altri soggetti per fornire un’offerta integrata e qualificata di servizi quali, oltre al capofila, almeno un soggetto per ognuna delle seguenti tipologie: agenzie formative accreditate dalla Regione Piemonte; imprese, reti di imprese, associazioni imprenditoriali di categoria;  soggetti del terzo settore competenti su azioni di aggancio e accompagnamento dei giovani.

La Compagnia nominerà una Commissione di valutazione che esaminerà e selezionerà nel merito le proposte correttamente pervenute e conformi ai requisiti di ammissibilità.
Prima di presentare la domanda, i soggetti interessati sono invitati a partecipare a un incontro di confronto e coprogettazione con i referenti della Compagnia di San Paolo. 

Per partecipare all’incontro è necessario scrivere entro il 9 settembre a daniela.gregnanin@compagniadisanpaolo.it, specificando nell’oggetto “Bando Articolo +1 – richiesta di incontro” e allegando una descrizione del progetto di circa mille battute.
La presentazione delle richieste di contributo deve seguire esclusivamente la procedura on-line indicata nella sezione “Contributi".

La scadenza per la presentazione delle richieste è fissata al 21 ottobre 2016
Alla richiesta dovranno essere allegati:
  • un documento progettuale presentato secondo il format all’allegato 2. Il documento andrà compilato in tutte le sue parti, datato, firmato dal legale rappresentante dell’ente capofila e da tutti i soggetti del partenariato proponente il progetto;
  • le schede Ente Partner, secondo il format all’allegato 3, compilate e firmate da ciascun componente del partenariato. Il numero di allegati 3 trasmessi dovrà essere pari al numero di partner della rete.
Informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo email daniela.gregnanin@compagniadisanpaolo.it

Domande di natura tecnica sulla compilazione della ROL è disponibile l’indirizzo email assistenzarol@compagniadisanpaolo.it

L’elenco dei progetti selezionati sarà pubblicato sul sito entro il mese di dicembre 2016.

Finanziamenti cultura Regione Piemonte (seconda parte)

 

 

Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione della cultura musicale anno 2016.

L’art. 6 della L.R. 58/1978 dispone che gli Enti locali, gli enti, gli istituti, le fondazioni, le associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus e società cooperative a mutualità prevalente, che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.

La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016



Avviso pubblico di finanziamento – L.R. 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la realizzazione di iniziative speciali di rilievo regionale (convegni, seminari, studi e ricerche) - Anno 2016

L’art. 6 della L.r. 58/1978 dispone che gli enti locali, gli enti, gli istituti e le associazioni culturali che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta regionale mediante deliberazione.

La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016.






Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione della cultura teatrale anno 2016.

L’art. 6 della L.R. 58/1978 dispone che gli Enti locali, gli Enti, gli istituti e le associazioni culturali che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.

La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016



Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione e la valorizzazione del patrimonio culturale linguistico - anno 2016

L’art. 6 della L.R. 58/1978 dispone che gli Enti locali, gli Enti, gli istituti e le associazioni culturali che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.

La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016



Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione della cultura cinematografica e audiovisiva anno 2016

L’art. 6 della L.R. 58/1978 dispone che gli Enti locali, gli Enti, gli istituti e le associazioni culturali che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.
La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016



giovedì 28 luglio 2016

SANITA', RUFFINO (FI): REGIONE EVITI TAGLIO CHOC CONTROLLI PER DIABETICI


SANITA', RUFFINO (FI): REGIONE EVITI TAGLIO CHOC CONTROLLI PER DIABETICI

"Esprimo tutta la mia preoccupazione per la drastica riduzione che hanno subito i pazienti affetti da diabete. Si è passati a 75 controlli all'anno dai precedenti 125. Si tratta di un taglio gravoso che abbassa in modo drastico gli standard qualitativi dei servizi sanitari che la Regione Piemonte offre". A denunciare la situazione il vicepresidente del Consiglio Daniela Ruffino durante la discussione di un suo question time sull'argomento.

"Quando parliamo di questa patologia - continua l'azzurra - stiamo discutendo di oltre 280mila pazienti, dei quali 112mila si sottopongono agli esami clinici. Si tratta di numeri importanti che dovrebbero costituire una priorità per la Giunta regionale".

Conclude Ruffino: "Sinceramente non è comprensibile come il centrosinistra tenti di scaricare sulle scelte cliniche questo taglio, visto che sono decine i pazienti che mi hanno sottoposto il problema, segnalandomi il taglio dalla mattina alla sera dei controlli diagnostici. Inutile parlare di automonitoraggio, scaricando sui pazienti l'onere di salvaguardare la propria salute. Anche perchè un paziente che si cura male aggrava i costi".

 

Interrogazione presentata: 


INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA


ai sensi dell’articolo 100 del Regolamento interno



Oggetto: Automonitoraggio glicemico



PREMESSO che in Piemonte i  pazienti affetti da diabete sono attualmente 280mila, di questi circa 112mila si sottopongono al controllo glicemico;



RILEVATO che soltanto con la rilevazione domiciliare della glicemia in momenti diversi della giornata è possibile avere le indicazioni necessarie per l’aggiustamento della terapia farmacologica o per le modifiche da apportare alla dieta o all’attività fisica;



TENUTO CONTO che nei diabetici, abitualmente trattati con 3-4 somministrazioni di insulina, il controllo della glicemia deve essere eseguito mediamente 4 volte al giorno e cioè prima di ogni pasto (di ogni iniezione di insulina) e prima di andare a letto; può essere utile determinare, sia pure con minore regolarità, anche la glicemia 90′ dopo il termine dei pasti;



APPRESO che alcuni pazienti, che hanno come schema terapeutico la quadruplice somministrazione di insulina, si sono visti diminuire drasticamente il numero di rilevamenti glicemici dopo essersi sottoposti alla visita programmata nelle aziende sanitarie locali nell’anno 2016;



SI PRECISA che sul piano di trattamento e automonitoraggio glicemico, rilasciato dalle ASL ai pazienti diabetici, si rileva che nell’anno 2015 venivano assegnati ad un assistito 125 controlli di automonitoraggio, mentre nell’anno 2016 solo 75;



TENUTO CONTO  inoltre che l’automonitoraggio della glicemia è uno dei metodi per tenere sottocontrollo l’indice glicemico nel diabetico; i valori glicemici possono cambiare nell’arco della giornata e una maggiore consapevolezza del paziente può essere d’aiuto nel monitoraggio costante della propria condizione



INTERROGA

                                               L’Assessore                                                  


per conoscere, alla luce della riduzione dei controlli di automonitoraggio glicemico, come si ritenga di mantenere gli attuali livelli di cura dei pazienti diabetici.





LA CONSIGLIERA FIRMATARIA                                                       Daniela RUFFINO



Risposta dell'Assessore Ferrari:








venerdì 22 luglio 2016

Finanziamenti Cultura Regione Piemonte

 



 

AVVISO PUBBLICO DI FINANZIAMENTO L. R. 44/2000 ART. 124 C. 1) B) 4) IN MATERIA DI PROMOZIONE ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE PERMANENTE – INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA PROMOZIONE ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE PERMANENTE A CARATTERE REGIONALE ANNO 2016.

L’art. 124, comma 1, lettera b), numero 4) della l.r. 44/2000 prevede tra le funzioni regionali la promozione delle attività di educazione permanente e l’allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 116-1873 del 20 luglio 2015 definisce in materia alcune disposizioni attuative. La deliberazione della Giunta regionale n. 19-3472 del 13 giugno 2016 ha stabilito, anche in relazione al procedimento amministrativo discendente dall’art. 124, comma 1) b) 4) della l.r. 44/2000, che per l’anno 2016 la scadenza di presentazione delle domande di contributo deve essere individuata da un avviso pubblico. L’avviso pubblico di finanziamento per l’anno 2016, in ambito di promozione delle attività di educazione permanente a carattere regionale, è stato approvato mediante la determinazione dirigenziale n. 297/A2003A del 6 luglio 2016.
La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016.
Materia: 
Cultura
Soggetti beneficiari: 
Enti statutariamente finalizzati allla organizzazione di corsi di perfezionamento musicale post-Conservatorio e masterclass; Enti statutariamente finalizzati alla organizzazione di altri corsi di promozione educativa e culturale del tempo libero, eccedenti l’ambito del perfezionamento musicale ma di analogo livello, con particolare attenzione alle discipline dello spettacolo.



Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione della cultura coreutica anno 2016.

L’art. 6 della L.R. 58/1978 dispone che gli Enti locali, gli enti, gli istituti, le fondazioni, le associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus e società cooperative a mutualità prevalente, che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.


La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016




Avviso di finanziamento l.r. 15/07/2003 n. 17 "Valorizzazione delle espressioni artistiche in strada" “d.g.r. n. 19-3472 del 13 giugno 2016”. Invito alla presentazione di progetti per la valorizzazione delle espressioni artistiche in strada - anno 2016

L’art. 6, comma 1, della L.R. 17/2003 dispone che le Amministrazioni pubbliche e i soggetti privati (quali enti, istituti, fondazioni, associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus e società cooperative a mutualità prevalente), che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta Regionale mediante deliberazione.


La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 15 settembre 2016




Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016. Invito alla presentazione di progetti per la promozione delle attività espositive anno 2016.


Soggetti beneficiari: 
Enti Locali, enti, istituti e associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus, società cooperative a mutualità prevalente;

Link di riferimento: http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/avviso-pubblico-di-finanziamento-legge-regionale-28-agosto-1978-n-58-dgr-n-19-3472-0



Avviso pubblico di finanziamento - Legge regionale 28 agosto 1978 n. 58 - D.G.R. n. 19-3472 del 13 giugno 2016 Invito alla presentazione di progetti per la realizzazione di rievocazioni storiche - Anno 2016

L’art. 6 della L.r. 58/1978 dispone che gli enti locali, gli enti, gli istituti e le associazioni culturali che intendano ottenere un contributo regionale di carattere culturale devono presentare documentate richieste di finanziamento nel periodo individuato dalla Giunta regionale mediante deliberazione.

La domanda di contributo per l’anno 2016 va presentata entro e non oltre il 9 settembre 2016.

Link di riferimento: http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/avviso-pubblico-di-finanziamento-legge-regionale-28-agosto-1978-n-58-dgr-n-19-3472-5




 


Bando Compagnia di San Paolo Abitare una casa, Vivere un luogo




La Compagnia di San Paolo, attraverso il Programma Housing e l’Area Filantropia e Territorio, sostiene lo sviluppo di esperienze innovative a uso sociale finalizzate a sviluppare nuove pratiche e servizi legati all’abitare sociale che permettano di attivare spazi fisici e virtuali per renderli disponibili alle comunità, generando un impatto sociale positivo e favorendo processi di collaborazione e cittadinanza attiva.

Il bando “Abitare una casa, Vivere un luogoinvita a presentare idee progettuali perinterventi che mirano a realizzare progetti di abitare solidale, di miglioramento delle condizioni abitative, di sviluppo delle comunità locali, di cura e valorizzazione del territorio di prossimità, di memoria dei luoghi e di cittadinanza. Rientrano in questi ambiti progetti finalizzati a promuovere la partecipazione attiva dei residenti e indirizzati a migliorare: la qualità della vita nel proprio contesto abitativo; la qualità delle relazioni tra condòmini, tra diverse generazioni e tra il condominio e i servizi del quartiere; la cura e la gestione di spazi pubblici o privati di prossimità.

Le attività proposte dovranno essere realizzate in centri urbani di almeno 15.000 abitanti del Piemonte.

Per la prima fase di “Raccolta di idee” viene richiesto ai soggetti proponenti di presentare la propria idea progettuale secondo le seguenti modalità:
2. Compilare il modulo in ogni sua parte e inviarlo in allegato all’indirizzo: abitareunacasavivereunluogo@programmahousing.org entro e non oltre il 16 ottobre 2016.
A questa fase possono partecipare sia enti formalmente costituiti sia gruppi informali di cittadini.

Entro il 18 novembre 2016, gli uffici della Compagnia procederanno con una prima selezione delle idee ritenute coerenti con quanto richiesto dal bando. I soggetti promotori delle proposte che avranno superato tale prima istruttoria verranno contattati via e-mail per accedere alla seconda fase del bando, durante la quale saranno coinvolti in attività di accompagnamento progettuale per la definizione delle proprie proposte.

Gli enti selezionati potranno quindi formalizzare la richiesta di contributo entro il 31/01/2017 attraverso la modulistica ROL (Richieste On Line) specifica per il presente bando.

Informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo e-mail abitareunacasavivereunluogo@programmahousing.org




Scampò a tragedia Andrea Doria,Simpson torna in suo Piemonte - Autrice docu-film su naufragio ricevuta a Palazzo Lascaris




Il naufragio dell'Andrea Doria: una storia di morte, misteri e dignità nella tragedia del mare. Ne è convinta Pierette Domenica Simpson, statunitense originaria di San Martino Canavese, superstite dell’affondamento avvenuto nel 1956.

La storia della tragedia del grande transatlantico italiano, lo scontro con la Stocholm che fece 52 vittime, il salvataggio dei naufraghi con un'operazione di soccorso perfetta e il coraggio del comandante Calamai e dei suoi uomini che lo obbligarono a scendere quando era rimasto l'ultimo a bordo, costituiscono il filone conduttore del docufilm “Andrea Doria. I passeggeri sono salvi?”, di cui la stessa Simpson - ricevuta il 18 luglio a Palazzo Lascaris dalla vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte Daniela Ruffino - è produttrice e autrice della trama.


“Ripercorrere questa parte della nostra storia, che ha visto protagonista una bambina di allora, nata a Pranzalito, una frazione di San Martino Canavese, diventata successivamente in America docente di lingue e letteratura, significa tenere vivi i legami tra il nostro Piemonte e i territori d’Oltreoceano, terra di immigrazione italiana negli ultimi secoli” ha sottolineato la Ruffino durante l’incontro.


L’autrice aveva nove anni quando con i nonni si imbarcò sulla nave ammiraglia della flotta italiana, che nella notte del 26 luglio 1956 venne speronata dal mercantile svedese Stockholm.

“Il docufilm - ha sottolineato l’autrice - è uno strumento di verità e di insegnamento che desidero venga proiettato e diffuso alle giovani generazioni, nelle scuole in Piemonte e in tutta Italia. I fatti dimostrano che la colpa del disastro marittimo non è da attribuire al comandate Calamai, così come invece accadde semplicisticamente dopo la tragedia”.


La prima assoluta del docufilm si terrà lunedì 25 luglio presso il Museo del mare a Genova.

“Da buona piemontese caparbia e tenace ragazza di allora, Pierette ha affrontato un lungo e difficoltoso lavoro di contatti con le persone sopravvissute al naufragio, raccogliendo commoventi testimonianze e consultando esperti navali di provata competenza. Da vittima è diventata una protagonista vincente nella propria vita, a rappresentare tutti gli italiani che hanno attraversato l’Oceano in cerca di fortuna” ha concluso Ruffino.


Il docufilm è stato preceduto dalla pubblicazione dei romanzi-inchiesta “Alive on the Andrea Doria! The Greatest Sea Rescue in History” e, in Italia per Sperling & Kupfer, “L’ultima notte dell’Andrea Doria”, sempre scritti dalla Simpson.


“Andrea Doria: I passeggeri sono in salvo?” diretto da Luca Guardabascio, è stato girato tra Genova, gli Stati Uniti (in special modo a Detroit) e il Canavese (Pranzalito e San Martino) dove la popolazione locale, dalle istituzioni ai singoli cittadini, si è messa a disposizione per realizzare un vero miracolo cinematografico facendo rivivere con dispendio di mezzi ed energie, la storia della partenza della piccola Piera con i suoi nonni.


All’incontro in Consiglio regionale è stato presente anche il sindaco di San Martino Canavese Silvana Rizzato.


giovedì 21 luglio 2016

Finpiemonte: Approvato il bando IR2 Industrializzazione dei risultati della ricerca




La Regione Piemonte, con Determinazione Dirigenziale n. 399 del 8/7/2016 ha approvato il bando “IR2 ” Industrializzazione dei Risultati della Ricerca, finalizzato all’industrializzazione dei risultati di attività qualificate di ricerca e sviluppo e destinato a imprese e organismi di ricerca piemontesi, anche in forma di raggruppamento.

La procedura di presentazione della domanda prevede dalle ore 9.00 del 5 settembre 2016 l'invio da parte dell' impresa o capofila/leader, in caso di progetto congiunto, della Manifestazione di interesse (prenotazione dei fondi e autorizzazione regionale alla presentazione della domanda) a Finpiemonte tramite PEC all’indirizzo finanziamenti.finpiemonte@legalmail.it.


Obiettivo tematico OT 1 – Rafforzare la ricerca, sviluppo tecnologico e l’innovazione
Azione I.1b.1.1. - Sostegno alla valorizzazione conomica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e delle formule organizzative, nonché attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca

Base giuridica aiuti – Reg. (UE) n. 651/2014 


Link di riferimento: https://www.finpiemonte.it/bandi/dettaglio-bando/por-fesr-14-20-Industrializzazione-risultati-ricerca




giovedì 14 luglio 2016

Bandi 2016 Programma “Diritti, uguaglianza, cittadinanza”





La Commissione europea ha pubblicato sul “Portale dei Partecipanti”  i bandi per il 2016 relativi al programma “Diritti, uguaglianza, cittadinanza”. Le call rientrano in tre ambiti:

1) diritti di cittadinanza europea, anti-discriminazione, prevenzione e lotta all’intolleranza;

2) prevenzione e lotta contro la violenza basata sul genere;

3) promozione e protezione dei diritti dei bambini.


1) Diritti di cittadinanza europea, anti-discriminazione, prevenzione e lotta all’intolleranza

Bando REC-RCIT-CITI-AG-2016: azioni volte a favorire l’inclusione e la partecipazione dei cittadini europei alla vita civile e politica dei Paesi Ue di accoglienza
Apertura: 17 novembre 2016
Scadenza: 11 gennaio 2017

Bando REC-RDIS-DISC-AG-2016: progetti nazionali e transnazionali sulla non discriminazione e sull’integrazione dei Rom
Apertura: 15 dicembre 2016
Scadenza: 28 febbraio 2017

Bando REC-RRAC-HATE-AG-2016: sostegno alle autorità degli SM nell’individuazione e scambio di best practice per la corretta applicazione della Decisione quadro UE sulla lotta contro talune forme ed espressioni di razzismo e xenofobia mediante il diritto penale
Apertura: 15 settembre 2016
Scadenza: 05 gennaio 2017

Bando REC-RRAC-RACI-AG-2016: sostegno al dialogo e allo scambio di best practice per promuovere la tolleranza e il rispetto reciproco
Apertura: 15 settembre 2016
Scadenza: 05 gennaio 2017

2) Prevenzione e lotta contro la violenza basata sul genere

Bando REC-RDAP-AWAR-AG-2016: azioni volte ad educare e sensibilizzare i ragazzi e le ragazze riguardo alla violenza di genere come modo di prevenzione precoce
Apertura: 24 novembre 2016
Scadenza: 08 marzo 2017

Bando REC-RDAP-VICT-AG-2016: azioni volte a promuovere l’accesso alla giustizia e sostenere le vittime della violenza di genere e il trattamento dei colpe
Apertura: 25 novembre 2016
Scadenza: 08 marzo 2017

3) Promozione e protezione dei diritti dei bambini
Bando  REC-RCHI-PROF-AG-2016: sostegno allo sviluppo di capacità sui diritti e la protezione del bambino per i professionisti dell’asilo e migrazione
Apertura: 13 settembre 2016
Scadenza: 13 dicembre 2016

Bando REC-RDAP-CHIL-AG-2016: sostegno ad approcci integrati e multidisciplinari centrati sul bambino per i bambini vittime di violenza
Apertura: 13 settembre 2016
Scadenza: 13 dicembre 2016

PSR 2014-2020 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali – Sottomisura 4.2 Operazione 4.2.1 Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli – Bandi A e B





I bandi prevedono aiuti alle imprese agroindustriali attive nel settore della trasformazione e commercializzazione per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature ed opere edili (Bando A) e per investimenti in macchinari, impianti e attrezzature (Bando B). Le imprese possono aderire ad un solo bando presentando una sola domanda di sostegno per bando

Materia: 
Agricoltura e Sviluppo rurale
Soggetti beneficiari: 
Imprese agroindustriali iscritte al registro delle imprese della CCIAA, attive nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti Allegato I del TFUE, esclusi i prodotti della pesca. Il prodotto finale ottenuto può non ricadere nell’Allegato I del TFUE

Tipologia finanziamento: 
PSR 14 - 20
Pubblicazione: 
7 Lug 2016
Data pubblicazione BURP: 
8 Lug 2016
Note presentazione domande: 
Apertura presentazione domande il 08/07/2016. Invio domande attraverso il portale Sistemapiemonte

Importo in €: 
38.000.000,00
Struttura di riferimento: 
A1707A - STRUTTURE DELLE IMPRESE AGRICOLE ED AGROINDUSTRIALI E ENERGIA RINNOVABILE