venerdì 11 novembre 2016

Oftalmologia San Luigi, Ruffino (FI) "Lunedì tutti a Orbassano per firmare la petizione contro la chiusura"



Oftalmologia San Luigi, Ruffino (FI) "Lunedì tutti a Orbassano per firmare la petizione contro la chiusura"

"L'assessore regionale alla Sanità ha confermato il de profundis per la  struttura complessa a direzione universitaria di Oftalmologia presso il San Luigi. Bisogna dire NO con forza  a questa decisione insensata che penalizza il nostro territorio. Invito quindi tutti ad aderire alla petizione contro la chiusura del reparto di Orbassano"
 >  
E' la vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte, Daniela Ruffino (FI) ad invitare cittadini e amministratori locali lunedì prossimo 14 novembre dalle ore 10.00 davanti al San Luigi di Orbassano per firmare la petizione che ha già superato le mille firme, promossa dalla stessa Ruffino e da  Daniel Cannati, capogruppo di  Forza Italia al Comune di Beinasco.
 >  
"Contestiamo le decisioni dissennate  della  Giunta Chiamparino, - osserva Ruffino - che continua a smontare  pezzo dopo  pezzo le certezze sanitarie che avevamo nel nostro territorio. Il reparto di Orbassano era un importante punto di riferimento per la popolazione: venendo a mancare si favorirà un processo di depauperamento sociale di tutta un'area".
____________°____________
SANITA', RUFFINO (FI): CONFERMATA LA CHIUSURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA A DIREZIONE UNIVERSITARIA DI OFTALMOLOGIA  AL SAN LUIGI DI ORBASSANO

"Nella seduta odierna è stata data conferma dall'assessore alla Sanità che verrà chiusa la struttura complessa, a direzione universitaria, di Oftalmologia presso il San Luigi. Resterà infatti nel nosocomio di Orbassano solo un ambulatorio oculistico per la gestione delle prestazioni ambulatoriali non chirurgiche e per attività di natura consulenziale e didattica. Proprio per questa mancanza di attenzione il 7 di questo mese inizierò con gli amministratori locali la raccolta firme all'ingresso del presidio del San Luigi, una petizione che ad oggi ha già visto superare le 1.000 firme raccolte". A denunciarlo il vicepresidente del Consiglio regionale di Forza Italia, Daniela Ruffino.

Spiega l'azzurra: "La Giunta Chiamparino continua ad andare avanti come un treno, smontando pezzo per pezzo le certezze sanitarie che avevamo nel nostro territorio. La squalifica dei servizi erogati dal sito di Orbassano pareva evidente quando lo scorso 1° novembre il professore Nuzzi, già Direttore universitario della Struttura complessa, ha assunto l'incarico apicale nella Clinica Oculistica dell'Ospedale Oftalmico: una mossa legata all'ormai prossimo trasferimento presso la Città della Salute".

“È chiaro - conclude Ruffino - che il centrosinistra continua in una opera funambolica di taglia e ritaglia a prescindere sia dalle richieste oggettive dell'utenza sia senza far seguire quella riorganizzazione e quegli investimenti, peraltro promessi in numerosi incontri pubblici, sulla medicina territoriale che se adeguatamente organizzata potrebbe supplire almeno in parte alle istanze dei cittadini".
 

 

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA


ai sensi dell’articolo 100 del Regolamento interno




OggettoChiusura della Struttura Complessa a Direzione universitaria di Oftalmologia dell’AOU San Luigi di Orbassano



PREMESSO che  in data 7 ottobre 2016, con nota prot. 16225, la Direzione generale dell’AOU San Luigi di Orbassano, ha disposto la “ridestinazione della SCDU Oftalmologia” in attuazione della DGR 1-924/2015;



RILEVATO che nello specifico il 31 dicembre 2016 saranno disattivati il servizio e i posti letto della struttura e non verranno più registrati ricoveri;



TENUTO CONTO che la chiusura del reparto influisce anche sull’Università presente all’interno del polo sanitario; infatti, dal 5 ottobre u.s. non è più possibile essere inseriti nella lista d’attesa per interventi chirurgici per patologie oculari;



APPRESO che l’Ospedale San Luigi di Orbassano riveste per i cittadini un ruolo fondamentale ed è unanimemente considerato un’eccellenza con un bacino di utenza molto più ampio della sola area TO OVEST



TENUTO CONTO inoltre che la SCDU di Oftalmologia è altresì considerata un punto di riferimento regionale e nell’anno 2015 ha effettuato:

-          40 ricoveri in DH/DS;

-          12.153 prestazioni comprese quelle convertite da DS;

-          1.130 interventi in sala operatoria;

-          1.290 accessi di pronto soccorso;



CONSIDERATO inoltre che la decisione della Direzione generale determina un grave disagio e l’ennesimo disorientamento per i cittadini



SI INTERROGA



                                               Il Presidente della Giunta                             

                                               L’Assessore                                                  








per sapere quali provvedimenti si intendano attuare per garantire il mantenimento operativo del reparto di Oftalmologia dell’ospedale San Luigi di Orbassano.



LA CONSIGLIERA FIRMATARIA                                                       Daniela RUFFINO



Risposta dell'Assessore competente:



Interrogazione a risposta immediata n. 1290 presentata dalla Consigliera Freudiani, inerente a "Chiusura della Struttura Complessa a Direzione universitaria di Oftalmologia dell'AOU San Luigi di Orbassano"



omissis



BALOCCO Francesco, Assessore regionale



Grazie, Presidente. Scuserà l'assenza dell'Assessore Saitta. Do lettura della sua risposta.

L'Azienda ospedaliera universitaria San Luigi di Orbassano è un ospedale di rilievo nazionale che ha assunto negli anni una mission particolarmente consolidata nell'ambito dell'oncologia, dell'oncoematologia, della chirurgia generale e specialistica in forma di elezione e di urgenza.

Recentemente, sono stati coperti due nuovi posti di Primariato con la presenza del prof. Maurizio Degiuli per la Struttura complessa a direzione universitaria di Chirurgia generale e il prof. Pietro Caironi per Anestesia e Rianimazione, che vanno a rafforzare ulteriormente il già elevato livello dei professionisti attualmente attivi nelle Strutture a direzione universitaria di Chirurgia Generale, Urologia, Otorinolaringoiatria, Chirurgia Toracica, Ortopedia ed Odontostomatologia.

In questo modo, si assegneranno alla chirurgia generale e specialistica, in aggiunta a quelle attuali, altre 150 sedute operatorie su base annuale, in maggiore coerenza con la mission di una Azienda Ospedaliera Universitaria come il San Luigi.

Per quanto riguarda le patologie oculari, nel contesto della rete sanitaria della Città Metropolitana e regionale le indicazioni della rete ospedaliera del Piemonte recepite nell'atto aziendale comportano la definizione di un nuovo percorso diagnostico terapeutico ed organizzativo, che ha visto dal 1° novembre scorso il prof. Nuzzi, già Direttore universitario della Struttura complessa, assumere l'incarico apicale nella Clinica Oculistica dell'Ospedale Oftalmico, nelle more del trasferimento presso la Città della Salute e della Scienza di Torino.

Nel nuovo anno, resterà attivo al San Luigi un ambulatorio oculistico per la gestione delle prestazioni di tipo ambulatoriale non chirurgiche e per l'effettuazione dell'attività consulenziale a supporto dei percorsi interni relativi alle patologie comunemente trattate nell'Ospedale, nonché per l'attività di didattica applicata.

L'attività oculistica erogata usualmente presso il San Luigi non prevedeva, finora, il ricovero ordinario: è attivo un unico posto letto di day hospital, che si traduce in una minima attività di ricovero diurno (circa 50 casi per anno), a cui si aggiunge un'attività di chirurgia di tipo ambulatoriale che si caratterizza soprattutto in interventi di cataratta (circa 1100 interventi all'anno), che non comporta una vera e propria degenza di pazienti in ospedale.

Gli specifici interventi chirurgici per i pazienti già reclutati in attesa di intervento saranno effettuati ancora presso il San Luigi oppure presso altre sedi di erogazione della rete oculistica della Città Metropolitana, secondo i flussi già consolidati. In tale ambito, non saranno inseriti altri utenti candidabili alla chirurgia ambulatoriale.

Per quanto riguarda, invece, la questione dei trasporti, proprio in questi giorni più volte sono stato sul territorio proprio per illustrare, tra le altre cose, anche la ormai decisa possibilità di creare - anzi il progetto ormai è avviato - la famosa SFM5 in partenza dal San Luigi di Orbassano.